VALORIZZARE DIFENDERE SALVAGUARDARE LA VAL DI SIEVE

L' Associazione Valdisieve persegue le finalità di tutelare l'ambiente, il paesaggio, la salute, i beni culturali, il corretto assetto urbanistico, la qualità della vita e la preservazione dei luoghi da ogni forma d'inquinamento, nell'ambito territoriale dei comuni della Valdisieve e limitrofi.

5 OTTOBRE ore 21.00 | proiezione video: LA BUONA STRADA FERRATA

Proiezione nella sala del consiglio di Rufina,
con la presenza della regista Veronica Citi.

Un viaggio lungo la linea della ferrovia nell'anello Valdisieve - Mugello - Firenze, attraverso le parole e l'esperienza di chi lo usa spesso o vorrebbe poterlo usare di più.
Un auspicabile scenario di TRENO METROPOLITANO nell'hinterland fiorentino come alternativa alla mobilità su gomma soprattutto per i pendolari che si spostano maggiormente negli orari di punta di partenze e ritorni, per motivi di studio e lavoro, ma anche per tutti gli altri che vorrebbero raggiungere le loro mete in tranquillità, in modo sostenibile e se possibile con una migliore qualità ed economicità.
Il paradosso di "Downs Thomson" spiegato dal Prof. Alberti ossia come investire in ulteriori e nuove strade possa per assurdo, nel tempo, portare ancora più congestione sia nelle strade esistenti che in quelle nuove. E allo stesso tempo disincentivando l'uso del servizio pubblico si corre il rischio di sempre minori investimenti sul ferro.
Oggi più che mai, il treno diventa, insieme a piste ciclo-pedonali e altre iniziative sostenibili, un filo diretto tra la città di Firenze e un territorio di grandi potenzialità, ma proprio per questo da salvaguardare e rispettare nei suoi elementi di pregio e di possibile attrattiva.

Prodotto dall'Associazione "Vivere in Valdisieve"
Regia, riprese e montaggio: Veronica Citi
Con:
Prof. Francesco Alberti (UNIFI)
Prof. Alessandro Fantechi (AMT Toscana)
Maurizio Izzo (comitato pendolari del Mugello "Attaccati al treno")

sabato 28 ottobre 2017

COMUNICATO STAMPA: Sconforto dopo il sopralluogo alla stazione TAV

Firenze, 28 ottobre 2017                                                                      


Sconforto dopo il sopralluogo alla stazione TAV

Il Comitato No Tunnel TAV cerca un minimo di logica dopo il sopralluogo delle commissioni consiliari ai cantieri della stazione Foster.
Le dichiarazioni dei presidenti delle commissioni lasciano subito perplessi: i lavori saranno finiti entro tre anni?
Alcuni consiglieri di opposizione hanno confermato invece che al momento non esiste nemmeno un progetto di fattibilità della nuova stazione dei bus!
Come si possa parlare in termini così ottimistici da parte della maggioranza di un'opera di cui esiste solo un power point è un mistero che il Comitato non riesce a decifrare. Che si possano prendere per buone tali dichiarazioni è cosa impossibile, soprattutto per un'opera che ha visto tanti proclami sbagliati nei 20 anni di cui se ne ciancia.
Che i lavori vadano avanti è invece uno scandalo perché nella sostanza è un'opera bloccata dalle Ferrovie che hanno riconosciuto l'errore di una stazione decentrata dei treni a lunga percorrenza.
Le dichiarazioni dell'Assessore Stefano Giorgetti lasciano basiti. Quest'ultimo ha citato cifre che non si riesce a capire da dove sono uscite: i viaggiatori dei treni AV ai Macelli sarebbero, secondo lui, fra i 5.000 e i 6.000. Ma come calcola questi numeri? Le FS hanno detto chiaramente che alla stazione sotterranea ci andranno i treni AV che oggi fermano a Campo di Marte, questi portano molto meno anche dei 2.000 viaggiatori che si sono sparati un anno fa. Questa moltiplicazione miracolosa non mette in sospetto nessuno?
Il Comitato ribadisce ancora una volta la domanda che non ha mai ricevuto risposta da nessuno: che razza di "hub di interscambio" tra ferro e gomma può essere quello dove non ci saranno che pochi treni? Che cosa si collega, il nulla con i bus?
Ancora Giorgetti si bea dei suoi numeri giustificando la realizzazione dell'opera con l'arrivo nell'infrastruttura dei 20.000 viaggiatori al giorno dai bus. Il Comitato si chiede come si possa fare un'operazione urbanistica del genere che è sostanzialmente la deportazione degli utenti dei bus per giustificare gli interessi dei costruttori della stazione e delle gallerie. Una cosa del genere, in un paese normale, vedrebbe la richiesta di dimissioni di politici così incompetenti e proni agli interessi estranei alla città e ai cittadini. In Italia invece si pone al centro di tutto la grande opera che pare avere, di per sé,  un valore assoluto e non di servizio.
Il Comitato intende stigmatizzare anche le considerazioni dei troppi che si lamentano che in Italia non si riesca a far nulla; questo problema non dipende da astrusa burocrazia o inefficienza, ma dalla scelta costante e continua di progetti sbagliati, spesso irrealizzabili – a meno di straordinarie forzature – come i tunnel tav.
Il problema in Italia è ormai della cosiddetta "governance", cioè di chi decide: oggi la politica non esiste se non come esecutrice di interessi estranei alle comunità ed ai cittadini, di quella lobby dei costruttori che sta riempiendo il paese di infrastrutture pachidermiche, totalmente inutili e dannose per l'ambiente.
Oggi voler realizzare un'opera sbagliata come il Passante AV di Firenze non è solo sbagliato, è un furto ai cittadini e un duro colpo a quella che ci si ostina a definire democrazia.
Il Comitato continua a fare questi comunicati stampa come una Cassandra inascoltata dai principali media; i suoi membri sentono il dovere morale di continuare comunque a denunciare una delle più gravi follie che si consumano in città.

Comitato No Tunnel TAV Firenze
335 1246551