VALORIZZARE DIFENDERE SALVAGUARDARE LA VAL DI SIEVE

L' Associazione Valdisieve persegue le finalità di tutelare l'ambiente, il paesaggio, la salute, i beni culturali, il corretto assetto urbanistico, la qualità della vita e la preservazione dei luoghi da ogni forma d'inquinamento, nell'ambito territoriale dei comuni della Valdisieve e limitrofi.

Molino del Piano: INCONTRO CON ROBERTO CAVALLO

Molino del Piano: INCONTRO CON ROBERTO CAVALLO
20 OTTOBRE a Molino del Piano: ore 19.00 Apericena a Km zero, a seguire parliamo di Economia Circalare e Rifiuti Zero con ROBERTO CAVALLO

da rifiuto a risorsa


EVENTI

http://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/E_MD_CLR.GIFhttp://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/V_MD_CLR.GIFhttp://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/E_MD_CLR.GIFhttp://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/N_MD_CLR.GIFhttp://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/t_md_clr-3.gifhttp://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/i_md_clr-4.gif
TUTTI GLI EVENTI DELLE MAMME NO INCENERITORE E NON SOLO: QUI
vedi anche il loro profilo FB

20 Ottobre dalle ore 19.00:
APERICENA A KM ZERO
circolo ARCI la Torretta Molino del Piano, con ROBERTO CAVALLO

A SEGUIRE (ORE 21.00):
ECONOMIA CIRCOLARE E RIFIUTI ZERO, sempre con ROBERTO CAVALLO

************************

· NUOVA Petizione “Stop alla costruzione di nuovi inceneritori, Sì alla raccolta differenziata!”

CALENDARIO

lunedì 25 marzo 2013

BIODISTRETTO VITIVINIVOLO di GREVE IN CHIANTI (zona GALLO NERO)

Costituito ufficialmente il BIODISTRETTO VITIVINIVOLO di GREVE IN CHIANTI (zona GALLO NERO) 3.2013

gentili interlocutori,
come vedete in Toscana, si procede a passi spediti con una strategia efficace e sostenibile. E sono i Sindaci in prima linea a volerlo.
Nell'interesse della salute dei cittadini e del territorio e dell'economia di qualità, in prospettiva di una decrescita che sarà selettiva e guarderà con molta attenzione alla qualità dei prodotti.
A quando un'ispirazione del genere nei 14 sindaci della DOCG prosecco? L'UNESCO aspetta!
Cordiali saluti
Gianluigi Salvador
 
L'articolo è tratto dalla newsletter AIAB.
a cura di Laura Lincesso e Sabina Galandrini

ScreenHunter_03 Mar. 25 16.16Costituito ufficialmente il BIODISTRETTO di Greve in Chianti

Greve in Chianti aderisce ufficialmente alla rete dei “Biodistretti” di AIAB, ovvero quelle aree geografiche in cui agricoltori, cittadini, operatori turistici, associazioni e pubbliche amministrazioni stabiliscono un accordo per la gestione sostenibile delle risorse locali, partendo dal modello biologico di produzione e consumo (filiera corta, gruppi di acquisto, mense pubbliche bio). L’Associazione Italiana per l’Agricoltura Biologica, promotrice di questa pratica innovativa, dal 2009 è impegnata attivamente nella promozione e nel coordinamento dei Bio-distretti in altri territori del Paese dove la promozione dei prodotti biologici si coniuga indissolubilmente con la promozione del territorio e delle sue peculiarità, per raggiungere un pieno sviluppo delle potenzialità economiche, sociali e culturali. Aderendo al Bio-distretto, gli enti locali e le amministrazioni pubbliche si impegnano a diffondere nel territorio la cultura del biologico attraverso un’ampia gamma di iniziative come dichiarare il territorio OGM free, promuovere l’informazione e la valorizzazione del modello dell’agricoltura biologica nel territorio, valorizzando la cultura, il turismo e le produzioni tipiche locali, sostenendo gli acquisti verdi, favorendo lo sviluppo delle mense biologiche nelle scuole, nelle strutture pubbliche e sanitarie.
Sono questi alcuni degli impegni che anche il Bio-Distretto di Greve in Chianti ha deciso di assumersi con l'assemblea per la nomina degli organismi. Comepresidente del Bio-Distretto è stato indicato il sindaco Alberto Bencistà. <Il Bio-Distretto, infatti,  è rivolto ai produttori ma anche a tutti i cittadini che ritengono importante vivere in armonia con l'ambiente, mangiare sano, utilizzare energie rinnovabili, portare al massimo la raccolta differenziata  dei rifiuti, per costruire il futuro
. L'augurio da parte nostra – conclude – è che anche i Comuni del  Chianti inizino a dimostrare interesse. Stiamo ricevendo richieste e  attestati da ogni parte d’Italia (e d'Europa). Per parte nostra  solleciteremo al massimo le associazioni e gli agricoltori a  interessarsi e occuparsi di questo progetto per il loro futuro e per  il futuro del territorio chiantigiano>>.