VALORIZZARE DIFENDERE SALVAGUARDARE LA VAL DI SIEVE

L' Associazione Valdisieve persegue le finalità di tutelare l'ambiente, il paesaggio, la salute, i beni culturali, il corretto assetto urbanistico, la qualità della vita e la preservazione dei luoghi da ogni forma d'inquinamento, nell'ambito territoriale dei comuni della Valdisieve e limitrofi.

Molino del Piano: INCONTRO CON ROBERTO CAVALLO

Molino del Piano: INCONTRO CON ROBERTO CAVALLO
20 OTTOBRE a Molino del Piano: ore 19.00 Apericena a Km zero, a seguire parliamo di Economia Circalare e Rifiuti Zero con ROBERTO CAVALLO

da rifiuto a risorsa


EVENTI

http://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/E_MD_CLR.GIFhttp://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/V_MD_CLR.GIFhttp://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/E_MD_CLR.GIFhttp://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/N_MD_CLR.GIFhttp://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/t_md_clr-3.gifhttp://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/i_md_clr-4.gif
TUTTI GLI EVENTI DELLE MAMME NO INCENERITORE E NON SOLO: QUI
vedi anche il loro profilo FB

20 Ottobre dalle ore 19.00:
APERICENA A KM ZERO
circolo ARCI la Torretta Molino del Piano, con ROBERTO CAVALLO

A SEGUIRE (ORE 21.00):
ECONOMIA CIRCOLARE E RIFIUTI ZERO, sempre con ROBERTO CAVALLO

************************

· NUOVA Petizione “Stop alla costruzione di nuovi inceneritori, Sì alla raccolta differenziata!”

CALENDARIO

mercoledì 11 luglio 2012

COMUNI RICICLONI: e il centro che fine fa??

E' uscito il dossier "Comuni Ricicloni" di Legambiente, mandato a tutti i comuni italiani, in cui si analizzano i dati raccolti seguendo questi criteri:
• la percentuale di raccolta differenziata è stata determinata sulla base della somma delle raccolte differenziate finalizzate al riciclo in rapporto al totale dei rifiuti prodotti (cioè la somma dei rifiuti avviati a riciclo e quelli avviati a smaltimento);
• le raccolte differenziate che nel corso del 2011 non sono state normalmente destinate ad impianti di recupero, non sono state tenute in considerazione;
• non entrano nel calcolo di efficienza gli inerti e la parte di spazzamento stradale avviata a recupero (sono stati esclusi sia dal conteggio delle raccolte differenziate, sia dagli r.s.u. a smaltimento);
• Per quanto attiene i rifiuti ingombranti, nel conteggio della raccolta differenziata, è stata considerata solo la parte effettivamente recuperata. Nel caso in cui non sia stata specificata tale quantità, i rifiuti ingombranti
sono stati considerati come rifiuto indifferenziato
.
• non rientrano nella somma delle raccolte differenziate i rifiuti pericolosi
destinati a smaltimento;
• non rientrano nel calcolo i rifiuti cimiteriali;
• nei rifiuti indifferenziati rientrano anche ingombranti non recuperati e
spazzamento stradale.

Tra i capoluoghi del centro Italia che hanno riempito le schede per Legambiente risulta che nessuno ABBIA SUPERATO IL 65% DI RACCOLTA DIFFERENZIATA ( percentuale richiesta da Legambiente, anche se si parla di dati del 2011), mentre è risultato vincitore assoluto il comune di Ponte nelle Alpi (87,7%), Pordenone (77,5%) tra i comuni del Nord e a smacco dei comuni del centro ( compresi quelli della Toscana) a sud vince Salerno (68,4%).
Per i comuni del centro  sopra i 10.000 abitanti ( in tot. hanno risposto e riempito le schede in 17!!!), è risultato primo il comune di Montelupo Fiorentino (86,8% di RD). CAPANNORI "solo" 16° col 68,7% di rd ( si ricorda che la vittoria non è stabilita solo con la percentuale di RD ma anche con altri parametri).
Per i comuni del centro sotto i 10.000 abitanti (sul tot. di 42 comuni):
1- Oriolo Romano (78,4% di RD).

Queste le cose che emergono:
  1.  Dal 2010 al 2011 i rifiuti sono DIMINUITI del 4,4%,
  2. Nessun capoluogo del centro ha raggiunto il 65% di RD nel 2011,
  3. Rufina, Pontassieve e Pelago ( ma non solo) non rientrano neanche tra i comuni che hanno raggiunto il 60% di RD (sempre nel 2011 e ammesso che abbiano partecipato!!),
  4. Tra i 287 comuni della Toscana solo in 13 hanno partecipato all'inziativa di Legambiente ( chissà come mai!!), anche se nel 2011 erano ancora meno, solo 8. Tradotto in percentuale c'è stato un aumento dal 2,8% al 4,5%.....accipicchiaaaa!! ( le regioni a due cifre sono: Veneto/61,3%, Friuli/35,2%, Trentino 31%, Lombardia/16,6%, Piemonte/14,8%, Marche/14,6%, Campania/7,3%, Emilia/6,5%, Toscana/4,5%, ecc.). 

QUESTA  LA  DOMANDA: 

Se, SOLO Pontassieve fa una prima comparsa  nel 2001, nella categoria 35%/15% e per acquisto carta riciclata, per poi sparire del tutto negli anni a seguire, e Pelago non ci ha, forse, mai pensato a partecipare.................................

O RUFINA che fine ha fatto???? 

Dopo l'exploit della prima volta nel 2008 "vincendo" per l'area centro italia la categoria come "miglior eco-acquisto" e stabilendosi al 13° posto ( non per % di Rd ma per il punteggio di 45,37),
salta a piedi pari l'anno 2009. Ricompare poi nel 2010 arrivando 22° con un punteggio di 50,88 per essere poi solo menzionata nel 2011 tra i comuni che avevano superato il 50% di RD e poi RISCOMPARE!!!!

Forse il fantasma dell'inceneritore e del fatto che molti rifiuti potenzialmente recuperabili e quindi riciclabili, in questi comuni, siano INVECE destinati ad essere inceneriti, può essere la causa che Pontassieve, Pelago e Rufina ( in primis) NON PARTECIPANO PIU' AL CONCORSO "COMUNI RICICLONI"???????????????????
Non possiamo credere infatti che stiano continuamente sbagliando a compilare le schede tanto da essere eslcusi dalle graduatorie.
Pensiamo invece che Rufina abbia risentito delle lamentele emerse nel 2007 dopo la VIA per il nuovo incenritore che il Sindaco Gamberi iniziò effettivamente a fare qualcosa di buono ( la stessa cosa non si può dire per Pelago e Pontassieve) e nel 2008 ebbe un momento di gloria!!
Dopo di che però le cose sono cambiate. I parametri di Legambiente sono molto legati all'effettivo recupero e riciclo che scaturisce dalla RD e non solo al dato semplicistico della RD ( che infatti - come accade purtroppo anche spesso - torna indietro per essere bruciata!!!!!!!!!!!!!), tanto che nè con l'attuale inceneritore, nè con il progetto del nuovo si può intravedere una buona amministrazione della materia erroneamente chiamata RIFIUTO!
Altre iniziative per poter avere dei buoni punteggi, a quanto pare, non ce ne sono altrimenti farebbero le corse per partecipare e vincere!!!!!!!!!!!!!

Questa situazione probabilmente si protarrà negli anni a venire perchè avere un inceneritore in casa non darà certo grandi punteggi!!!
Questo per farvi capire quanto siamo virtuosi in Valdisieve!!!!

Vai alla cartella COMUNI RICICLONI: https://docs.google.com/open?id=0B5uPVnFGS9xwOFY2TVA4dlBfNU0