VALORIZZARE DIFENDERE SALVAGUARDARE LA VAL DI SIEVE

L' Associazione Valdisieve persegue le finalità di tutelare l'ambiente, il paesaggio, la salute, i beni culturali, il corretto assetto urbanistico, la qualità della vita e la preservazione dei luoghi da ogni forma d'inquinamento, nell'ambito territoriale dei comuni della Valdisieve e limitrofi.

Molino del Piano: INCONTRO CON ROBERTO CAVALLO

Molino del Piano: INCONTRO CON ROBERTO CAVALLO
20 OTTOBRE a Molino del Piano: ore 19.00 Apericena a Km zero, a seguire parliamo di Economia Circalare e Rifiuti Zero con ROBERTO CAVALLO

da rifiuto a risorsa


EVENTI

http://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/E_MD_CLR.GIFhttp://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/V_MD_CLR.GIFhttp://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/E_MD_CLR.GIFhttp://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/N_MD_CLR.GIFhttp://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/t_md_clr-3.gifhttp://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/i_md_clr-4.gif
TUTTI GLI EVENTI DELLE MAMME NO INCENERITORE E NON SOLO: QUI
vedi anche il loro profilo FB

20 Ottobre dalle ore 19.00:
APERICENA A KM ZERO
circolo ARCI la Torretta Molino del Piano, con ROBERTO CAVALLO

A SEGUIRE (ORE 21.00):
ECONOMIA CIRCOLARE E RIFIUTI ZERO, sempre con ROBERTO CAVALLO

************************

· NUOVA Petizione “Stop alla costruzione di nuovi inceneritori, Sì alla raccolta differenziata!”

CALENDARIO

sabato 21 maggio 2016

Inceneritore di Scarlino, accolta l'istanza della class action

La giudice di Grosseto dispone approfondimenti su 26 punti della perizia della ctu: un punto a favore del fronte del no

All’apparenza è un semplice passaggio tecnico, quello che nella giornata di mercoledì è avvenuto nell’ambito della causa, avviata nel 2014, da associazioni ambientaliste e imprenditori della zona di Scarlino e Follonica che chiedono la chiusura dell’inceneritore. Nella sostanza è un punto a favore della battaglia contro l’impianto, ritenuto inquinante in un ambiente già di per sé inquinato come è la piana di Scarlino e la sua falda.
La giudice, accogliendo l'istanza, sembra implicitamente riconoscere che ci sono molti punti in sospeso nella perizia della ctu, depositata ad agosto e che doveva far chiarezza sulle cause del malfunzionamento dell’inceneritore e le immissioni fuori legge, soprattutto di diossine e furani sulla flora e sulla fauna del canale Solmine, nell’area industriale dove sorge l’impianto e nei centri limitrofi.
La class action - una causa civile per chiedere i danni partita dopo lo sforamento del 2013 dei limiti di legge per le emissioni di diossina nell’aria, con valori cinque volte sopra il limite - è sostenuta da circa 90 soggetti, tra cui il Forum Ambientalista di Grosseto, il Comitato per il no all’inceneritore e associazioni di professionisti di Follonica e Scarlino - rappresentati dall’avvocato Roberto Fazzi.
A dicembre 2015 le associazioni e tutti i soggetti ricorrenti avevano depositato ben 140 pagine di osservazioni critiche alla consulenza tecnica a firma dei propri consulenti di parte, l’ingegner Vincenzo Annino, che ha esaminato tutte le carenze tecniche dell’impianto; il dottor Roberto Barocci che ha fornito uno studio sull’inquinamento della falda della piana di Scarlino; il dottor Valerio Gennaro che ha fornito uno studio epidemiologico sull’impatto dell’inceneritore sulla salute delle popolazioni che vi abitano intorno.
Nonostante la perizia dica chiaramente che la ripresa dell’inceneritore è vincolata alla bonifica del Canale Solmine e alla bonifica delle falde acquifere della piana (la prima indicazione di questo tipo fu data dalla Regione ben 26 anni fa ma la bonifica delle falde è ancora al palo), “la consulente di ufficio - dice l’avvocato Fazzi - ha fornito sintetiche valutazioni di tali osservazioni assolutamente inadeguate e insoddisfacenti tanto che il sottoscritto legale è stato costretto a formulare ben ventisei richieste di chiarimenti, predisposte con l’aiuto dei propri consulenti”.
La giudice, accogliendo la richiesta, ha fissato una nuova convocazione della ctu per il 9 marzo 2016, “non per una semplice richiesta di chiarimenti in udienza, ma addirittura per l’affidamento di un nuovo incarico”, dice Fazzi. Insomma, la consulente potrà affidarsi ad altri professioni nei settori specifici che la giudice chiede di approfondire.

FONTE: http://iltirreno.gelocal.it/grosseto/cronaca/2016/02/17/news/inceneritore-di-scarlino-accolta-l-istanza-della-class-action-1.12974282

LEGGI ANCHE: