VALORIZZARE DIFENDERE SALVAGUARDARE LA VAL DI SIEVE

L' Associazione Valdisieve persegue le finalità di tutelare l'ambiente, il paesaggio, la salute, i beni culturali, il corretto assetto urbanistico, la qualità della vita e la preservazione dei luoghi da ogni forma d'inquinamento, nell'ambito territoriale dei comuni della Valdisieve e limitrofi.

17 DICEMBRE A MOLINO DEL PIANO: MERCATINO DISCO SOUPE E TANTO ALTRO

17 DICEMBRE A MOLINO DEL PIANO: MERCATINO DISCO SOUPE E TANTO ALTRO
17 DICEMBRE A MOLINO DEL PIANO: MERCATINO DISCO SOUPE E TANTO ALTRO.

da rifiuto a risorsa


EVENTI

http://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/E_MD_CLR.GIFhttp://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/V_MD_CLR.GIFhttp://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/E_MD_CLR.GIFhttp://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/N_MD_CLR.GIFhttp://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/t_md_clr-3.gifhttp://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/i_md_clr-4.gif
TUTTI GLI EVENTI DELLE MAMME NO INCENERITORE E NON SOLO: QUI
vedi anche il loro profilo FB

20 Ottobre dalle ore 19.00:
APERICENA A KM ZERO
circolo ARCI la Torretta Molino del Piano, con ROBERTO CAVALLO

A SEGUIRE (ORE 21.00):
ECONOMIA CIRCOLARE E RIFIUTI ZERO, sempre con ROBERTO CAVALLO

************************

· NUOVA Petizione “Stop alla costruzione di nuovi inceneritori, Sì alla raccolta differenziata!”

CALENDARIO

venerdì 23 ottobre 2015

Blitz della Finanza per appalti truccati Anas: 10 arresti. Dirigenti, imprenditori e l'ex sottosegretario Meduri

L'esponente politico ha ricoperto l'incarico al ministero delle Infrastrutture,durante il secondo governo Prodi. E' stato presidente della Regione Calabria. Le ipotesi di reato sono associazione a delinquere finalizzata alla corruzione e voto di scambio. Renzi: "Chi ruba in un'azienda pubblica deve essere cacciato"

ROMA - C'è anche il nome dell'ex sottosegretario alle Infrastrutture Luigi Meduri fra le 10 ordinanze di custodia cautelare emesse dal gip del Tribunale di Roma. Nell'inchiesta delle fiamme gialle, chiamata 'Dama nera', sono coinvolti 5 dirigenti e funzionari dell'Anas della Direzione generale di Roma, 3 imprenditori, titolari di aziende appaltatrici di primarie opere pubbliche e un avvocato, oltre allo stesso Meduri. L'esponente politico ha ricoperto il suo incarico come membro della Margherita dal maggio 2006 al maggio 2008, durante il secondo governo Prodi, con Antonio Di Pietro ministro. Dal gennaio 1999 all'aprile 2000 era stato presidente della Regione Calabria. Meduri, nato a Reggio Calabria nel 1942, fino ad oggi era membro dell'assemblea nazionale del Pd, ma dopo l'arresto, la Commissione nazionale di garanzia del Partito democratico ha deciso di sospenderlo dall'albo degli iscritti e degli elettori e dagli organismi di cui fa parte con provvedimento immediatamente esecutivo. Meduri non è più in Parlamento dal 2006.  "Pieno rispetto per gli indagati ma da parte nostra c'è la volontà di fare pulito: chi, in un'azienda pubblica, viene trovato a rubare non solo deve pagare ma deve essere cacciato senza ogni forma di perdono". E' il commento del premier Matteo Renzi, in un'intervista al Tg2.

'La dama nera'. L'Autorità nazionale anticorruzione chiederà gli atti relativi all'inchiesta. Le ipotesi di reato sono:  associazione a delinquere finalizzata alla corruzione e voto di scambio. Sono in corso anche 100 perquisizioni, in undici regioni diverse. Il procuratore capo di Roma, Giuseppe Pignatone, ha fatto sapere che il nuovo presidente di Anas, Gianni Vittorio Armani, è estraneo ai fatti e si costituerà parte offesa. "La mia sensazione leggendo le carte, Che sono prevalentemente, ma non solo, intercettazioni, è la sensazione deprimente della quotidianità della corruzione", ha aggiunto Pignatone che ha ricostruito i movimenti di Antonella Accroianò, una dirigente dell'Anas coinvolta nelle tangenti. "La principale indagata, chiamata la 'dama nera',  va in ufficio per lavorare - ha riferito Pignatone - ma il suo lavoro è gestire il flusso continuo della corruzione: c'è la borsa sempre aperta, arriva qualcuno e ci mette una busta. Tratta pure male i collaboratori, che non sono ritenuti all'altezza nell'avere a che fare con gli imprenditori per riscuotere le mazzette. La sensazione della lettura di queste carte è la quodidianità della corruzione vista come cosa normale", ha continuato Pignatone.

Tangenti Anas, il blitz della Guardia di Finanza: gli arresti

Assunzioni in cambio di voti. Secondo l'indagine la Accroianò, avrebbe chiesto a Meduri di aiutare la carriera politica del fratello, in Calabria. In cambio avrebbe offerto assunzioni in Anas. "Meduri era l'interfaccia politico di Accroglianò - ha spiegato il colonnello Cosimo Di Gesù del nucleo polizia tributaria di Roma - .In ballo c'era un pacchetto di voti a sostegno della candidatura del fratello al consiglio regionale della Calabria nel novembre 2014. La contropartita per la mancata elezione nelle liste dell'Udc sarebbe stata nell'intenzione della Accroglianò un importante incarico in una società partecipata dalla Regione Calabria". "A fronte di queste richieste Meduri chiedeva da un lato l'assunzione di due geometri in Anas, con lo sfruttamento di una azienda pubblica come meccanismo clientelare per favorire assunzioni. Dall'altro lato si poneva come intermediario con imprenditori arrestati, Costanzo e Bosco, rispetto al ritardo nel pagamento delle tangenti".

Tangenti Anas, Pignatone: "Colpisce la quotidianità della corruzione"

Corruzione. Meduri avrebbe svolto inoltre il ruolo di mediatore in un episodio di corruzione che chiama in causa i vertici dell'Azienda delle strade. Secondo l'accusa l'esponente politico avrebbe veicolato a due imprenditori precise richieste corruttive provenienti dai dirigenti della pubblica amministrazione. "Meduri ha certamente una funzione di supporto non indifferente - scrive il gip Giulia Proto nelle oltre 100 pagine di misura cautelare - dal momento che lui stesso richiama gli imprenditori ai loro illeciti doveri ove gli stessi versino in ritardo sui pagamenti. E' la stessa Antonella Accroglianò che dice di aver recuperato una delle tranche corruttive grazie a Meduri al quale lei si rivolge quando 'quelli' spariscono. E d'altra parte il suggerimento di - stringerli ai fianchi - per recuperare il danaro proviene proprio dal politico". Il quale, a sua volta, chiede che la Accroglianò "si interessasse per far assumere all'Anas due geometri da lui raccomandati".

Il ministro. Nelle carte spunta anche un "non meglio individuato ministro". A tirare in ballo la figura di "un ministro", come si evince da un'intercettazione ambientale, è Accroglianò. La donna sottolinea come gli imprenditori catanesi avessero risolto diversi problemi, non meglio precisati nella conversazione, con l'intermediazione dell'ex sottosegretario Meduri, "il quale - si legge nell'ordinanza del gip - li aveva agevolati attraverso l'organizzazione di un incontro con un non meglio individuato ministro".

LEGGI Luigi Meduri, dalla Regione Calabria al governo dell'Ulivo 

Le intercettezioni. Nelle intercettazioni Accroglianò chiamava più volte 'medicinali', i soldi ricevuti dagli imprenditori, che nascondeva nell'appartamento della madre. A casa della donna i finanzieri hanno trovato ben nascosti 70mila euro, ritenuti proventi dell'attività corruttiva. Il gip Giulia Proto riferisce di "immorali principi" che ispiravano Accrogliano', parlando dei "propositi illeciti" con alcuni suoi sodali. "Speriamo di tenerci forte, come abbiamo fatto fino ad adesso e di fare tutti un saltino in avanti per poterci aiutare... Perche' quello e' poi lo scopo, capito? Io sono stata abituata in questo modo... chi cresce, chi fa un salto in avanti, si porta gli altri dietro... questa e' la scuola", dicevano. Le incertettazioni, ambientali e telefoniche, dicono che la donna ricopriva "il ruolo di capo e promotore indiscusso" dell'organizzazione. La regola, valida per tutto il gruppo, era che "se viaggi da solo non fai niente, chi ha cercato di viaggiare da solo poi l'hanno azzoppato".

Anas: "Funzionari coinvolti saranno licenziati". Il presidente dell'Anas Armani, ha espresso piena fiducia nel lavoro della Procura di Roma, e ha fatto sapere che l'Anas si costituerà parte offesa. "Ho parlato col presidente dell'Anas Armani e ho detto di offrire la massima collaborazione agli inquirenti", ha detto il ministro dei Trasporti e Infrastrutture, Graziano Delrio. Nel pomeriggio, durante una conferenza stampa Armani ha spiegato che i funzionari coinvolti saranno licenziati.

Gli arresti. L'operazione, chiamata 'Dama nera', segue un'indagine condotte dalle Fiamme Gialle del Nucleo di polizia tributaria di Roma, coordinate dalla procura della capitale. In tutto sono state effettuate circa 100 perquisizioni e sono stati sequestrati 200.000 euro. Accanto alla 'dama nera' Accroianò, in carcere sono finiti in carcere Oreste De Grossi (capo del servizio
 incarichi tecnici della condirezione generale tecnica), Sergio Serafino Lagrotteria (dirigente area progettazione e nuove costruzioni) e i funzionari 'di rango minore' Giovanni Parlato e Antonino Ferrante. Agli arresti domiciliari, invece, sono finiti l'ex sottosegretario al ministero delle Infrastrutture Meduri, l'avvocato catanzarese Eugenio Battaglia, e tre imprenditori, Concetto Logiudice Bosco, Francesco Domenico Costanzo e Giuliano Vidoni.

fonte articolo: http://roma.repubblica.it/cronaca/2015/10/22/news/blitz_della_finanza_per_gli_appalti_dell_anas_10_arresti_tra_dirigenti_imprenditori-125627624/ 

altro:

Tangenti e voto di scambio, scandalo all’Anas: arrestati dirigenti e l’ex sottosegretario Meduri