VALORIZZARE DIFENDERE SALVAGUARDARE LA VAL DI SIEVE

L' Associazione Valdisieve persegue le finalità di tutelare l'ambiente, il paesaggio, la salute, i beni culturali, il corretto assetto urbanistico, la qualità della vita e la preservazione dei luoghi da ogni forma d'inquinamento, nell'ambito territoriale dei comuni della Valdisieve e limitrofi.

17 DICEMBRE A MOLINO DEL PIANO: MERCATINO DISCO SOUPE E TANTO ALTRO

17 DICEMBRE A MOLINO DEL PIANO: MERCATINO DISCO SOUPE E TANTO ALTRO
17 DICEMBRE A MOLINO DEL PIANO: MERCATINO DISCO SOUPE E TANTO ALTRO.

da rifiuto a risorsa


EVENTI

http://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/E_MD_CLR.GIFhttp://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/V_MD_CLR.GIFhttp://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/E_MD_CLR.GIFhttp://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/N_MD_CLR.GIFhttp://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/t_md_clr-3.gifhttp://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/i_md_clr-4.gif
TUTTI GLI EVENTI DELLE MAMME NO INCENERITORE E NON SOLO: QUI
vedi anche il loro profilo FB

20 Ottobre dalle ore 19.00:
APERICENA A KM ZERO
circolo ARCI la Torretta Molino del Piano, con ROBERTO CAVALLO

A SEGUIRE (ORE 21.00):
ECONOMIA CIRCOLARE E RIFIUTI ZERO, sempre con ROBERTO CAVALLO

************************

· NUOVA Petizione “Stop alla costruzione di nuovi inceneritori, Sì alla raccolta differenziata!”

CALENDARIO

giovedì 10 settembre 2015

Olio di palma: traffico di esseri umani, violenze e abusi in Malesia. Il prodotto arriva a Nestlé e Procter & Gamble

palm oil
Rese note le condizioni di sfruttamento nelle piantagioni di palma da olio
Un’inchiesta del Wall Street Journal denuncia gli abusi a cui sono sottoposti i migranti, in particolare del Bangladesh e di Myanmar (Birmania), che vengono portati a lavorare nelle piantagioni di palma da olio in Malesia. È stata ricostruita la vicenda del ventiduenne Mohammad Rubel, che dallo scorso dicembre, quando è arrivato dal Bangladesh attraverso l’intermediazione di trafficanti di esseri umani, ha lavorato sette giorni su sette, senza ricevere alcuna retribuzione.
Dopo un viaggio durato 21 giorni, in circa 200 su un peschereccio di contrabbandieri lungo dodici metri, con cibo e acqua scarsi, e decine di morti, Rubel è stato trattenuto per settimane in un accampamento nella giungla, sino a che i trafficanti sono riusciti a estorcere un riscatto ai suoi genitori in patria. Rubel racconta di aver visto decine di migranti morire per sfinimento, malattie o percosse.
olio di palma
La piantagione dove lavora Rubel è controllata dalla Felda Global Ventures, una compagnia creata dal governo malese
La piantagione dove lavora Rubel è controllata dalla Felda Global Ventures, una compagnia creata dal governo malese, che è tra le maggiori produttrici di olio di palma grezzo e, secondo i dati sulle spedizioni negli Usa, ha tra i suoi clienti il colosso dell’agroalimentare statunitense Cargill, che a sua volta rivende l’olio di palma a multinazionali come Nestlé e Procter & Gamble. Cargill e i suoi clienti hanno detto di non essere a conoscenza di abusi nei confronti dei lavoratori nelle piantagioni di palma da olio di Felda e che apriranno un’indagine. Da parte sua, Felda afferma che l’85% dei lavoratori nelle sue piantagioni è straniero e che vengono loro garantiti i diritti fondamentali e il salario minimo.
Per aver diritto al salario minimo, occorre lavorare 26 giorni al mese ma alcuni lavoratori hanno detto al giornale che la compagnia li fa lavorare meno, per non riconoscere loro questo diritto: una pratica vietata dalla legge della Malesia. Inoltre, gran parte dei lavoratori non sono alle dirette dipendenza di Felda, ma di fornitori di mano d’opera, che gli intervistati dal Wall Street Journal non hanno voluto indicare per paura di ritorsioni, dato che nei loro confronti gli abusi sono più gravi e costituiscono una pratica più comune.
palma olio
Uno dei lavori di Rubel consiste nello spruzzare pesticidi, tra cui il Paraquat, vietato in molti paesi per la sua tossicità
Uno dei lavori di Rubel consiste nello spruzzare pesticidi, tra cui il Paraquat, vietato in molti paesi per la sua tossicità. Rubel afferma di aver ricevuto l’equipaggiamento protettivo ma di non aver avuto alcuna formazione e che l’utilizzo dei pesticidi gli ha provocato giramenti di testa. Felda fa parte della Roundtable on Sustainable Palm Oil (RSPO), che certifica come sostenibile il 18% della produzione mondiale di olio di palma e le cui finalità sono di ridurre la deforestazione, preservare la biodiversità, rispettare i diritti fondamentali e le condizioni di vita dei lavoratori delle piantagioni, dei piccoli agricoltori e delle popolazioni indigene. Anche il segretario generale della RSPO, i cui criteri di certificazioni sono oggetto di molte critiche, ha detto di non essere a conoscenza di abusi nelle piantagioni di Felda e che sarà aperta un’indagine.
olio di palma 469044219
Felda fa parte della Roundtable on Sustainable Palm Oil (RSPO)
Nel suo Rapporto annuale sul traffico di esseri umani, il Dipartimento di Stato Usa indica le coltivazioni di palma da olio della Malesia come uno dei principali settori in cui vengono impiegati e sfruttati lavoratori oggetto di tratta. Il Rapporto del 2014 aveva classificato la Malesia al livello 3, il più basso, a causa degli insufficienti sforzi del governo malese nel contrasto al traffico di esseri umani. Il Wall Street Journal scrive che ci sono state pressioni, affinché quest’anno il giudizio fosse migliore e la Malesia fosse portata al livello 2, cosa che è avvenuta, per poterla includere nel Trans-Pacific Partnership (TPP), il Trattato di libero scambio che gli Stati Uniti stanno negoziando da cinque anni con altri undici paesi dell’area del Pacifico. Tuttavia, anche nel Rapporto 2015, a proposito della Malesia, si denunciano le pratiche di lavoro forzato a cui sono sottoposti lavoratori immigrati in alcuni settori, tra cui spiccano le piantagioni di palma da olio.

di