VALORIZZARE DIFENDERE SALVAGUARDARE LA VAL DI SIEVE

L' Associazione Valdisieve persegue le finalità di tutelare l'ambiente, il paesaggio, la salute, i beni culturali, il corretto assetto urbanistico, la qualità della vita e la preservazione dei luoghi da ogni forma d'inquinamento, nell'ambito territoriale dei comuni della Valdisieve e limitrofi.

Molino del Piano: INCONTRO CON ROBERTO CAVALLO

Molino del Piano: INCONTRO CON ROBERTO CAVALLO
20 OTTOBRE a Molino del Piano: ore 19.00 Apericena a Km zero, a seguire parliamo di Economia Circalare e Rifiuti Zero con ROBERTO CAVALLO

da rifiuto a risorsa


EVENTI

http://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/E_MD_CLR.GIFhttp://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/V_MD_CLR.GIFhttp://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/E_MD_CLR.GIFhttp://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/N_MD_CLR.GIFhttp://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/t_md_clr-3.gifhttp://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/i_md_clr-4.gif
TUTTI GLI EVENTI DELLE MAMME NO INCENERITORE E NON SOLO: QUI
vedi anche il loro profilo FB

20 Ottobre dalle ore 19.00:
APERICENA A KM ZERO
circolo ARCI la Torretta Molino del Piano, con ROBERTO CAVALLO

A SEGUIRE (ORE 21.00):
ECONOMIA CIRCOLARE E RIFIUTI ZERO, sempre con ROBERTO CAVALLO

************************

· NUOVA Petizione “Stop alla costruzione di nuovi inceneritori, Sì alla raccolta differenziata!”

CALENDARIO

mercoledì 12 agosto 2015

Regione Emilia Romagna e le intese con Hera/Iren sugli inceneritori, schiaffo ai territori

Era stato annunciato con un comunicato stampa quasi un mese fa, con un tempismo politicamente sospetto, il giorno precedente la manifestazione di protesta contro l’art.35 del Decreto Sblocca Italia “Nessun Dorma”, tenutasi a Parma l’11 luglio 2015.

In quest’ultimo mese è successo di tutto. 
 
L’ultima notizia in ordine di tempo le dimissioni dell’assessore forlivese all’ambiente Alberto Bellini, uno dei fautori più convinti del nuovo testo di Legge regionale sui rifiuti che la Giunta aveva adottato il 6 luglio.
Una proposta di legge innovativa, al passo con gli obiettivi comunitari per la riduzione degli sprechi e il recupero di materiali e sostanze, non ancora approvata dall’assemblea legislativa. Una legge decisamente e seriamente orientata ad affamare gli inceneritori e a penalizzare i comuni poco virtuosi nella raccolta differenziata. 
Una legge che introduce finalmente una tariffa premiante per quei cittadini impegnati realmente nella riduzione dei rifiuti. Per questo, una legge avversata e contestata da portavoce istituzionali asseverati agli interessi speculativi delle multiutility.
Anche questo “accordo” giunge in modo politicamente sospetto il giorno precedente l’autorizzazione da parte della Conferenza dei Servizi della Provincia di Forlì-Cesena alla classificazione dell’impianto forlivese di incenerimento dei rifiuti solidi urbani in “recuperatore di energia”. Impianto che potrà da ora predisporsi per ricevere legittimamente anche rifiuti speciali da ogni parte d’Italia. Si è detto “autorizzazione tecnica”, dovuta per legge, in adempimento al famigerato art 35 dello “Sblocca Italia”.
Tecnicamente potrebbe, con il condizionale d’obbligo perché ora c’è questo “accordo” politico che sembrerebbe congelare l’attività degli 8 impianti regionali, allo stato attuale del loro funzionamento.
Ma si tratta di una mistificazione perché di fatto, con un linguaggio in puro stile burocratese, apre all’applicazione integrale dell’art 35 facendo diventare anche i nostri inceneritori “infrastrutture e insediamenti strategici di preminente interesse nazionale”.
Non più quindi impianti sotto il controllo degli enti locali dove sono insediate queste “industrie insalubri di classe I”, ma sotto l’egida del Consiglio dei Ministri, che può arrivare anche a porre il veto su delibere atti e decisioni in contrasto appunto con l’interesse nazionale.
Accordo che, in base all’art. 2, consente comunque di “contribuire al superamento della situazione di emergenza nella gestione dei rifiuti urbani che si dovessero verificare nel territorio nazionale”.
E l’Italia, lo sappiamo tutti, è il Paese della perenne emergenza.
L’Emilia Romagna, con i suoi 8 impianti, ora tecnicamente “termorecuperatori di energia”, si predispone per ricevere e incenerire rifiuti di ogni genere, anche speciali, non esclusi i “pericolosi”, da ogni dove del Bel Paese.
Ammesso che questo “accordo” non contrasti formalmente con gli obiettivi del Governo, promette che le situazioni di emergenza verranno trattate per un periodo di “durata limitata” senza però precisarne i tempi.
Fin tanto che il Governo manterrà lo stato di emergenza sulla situazione problematica dei rifiuti, i nostri termorecuperatori di energia potranno operare alla loro massima capacità termica. Aumentando così fino al 50% della potenzialità attuale la loro capacità di incenerimento.
Accordo che non ha nessuna scadenza in termini di validità fra le parti. Per cui valido in eterno.
Un accordo salomonico che vanifica ogni sforzo compiuto fino ad oggi da cittadini preoccupati per la propria salute, per la tutela del proprio ambiente, cittadini che in varie parti della Regione si sono fatti carico di impegni gravosi sia economici sia di responsabilità civica.
Cittadini che da mesi e da anni collaborano con le loro amministrazioni locali differenziando in modo meticoloso ogni tipo di scarto e rifiuto, separando la plastica dal vetro, la carta dall’organico e così di seguito, convinti che sarebbero stati ricompensati con la chiusura delle discariche e con la riduzione progressiva e significativa dello smaltimento tramite l’incenerimento.
Cittadini convinti che solo con una gestione virtuosa e innovativa si sarebbe veramente dato vita ad una nuova forma di economia sostenibile, quella circolare, che pomposamente compare anche nel titolo della nuova Legge regionale dei rifiuti che deve ancora essere approvata perché avversata dagli interessi speculativi delle multiutility.
 
Sottoscrivono il presente comunicato:
- Forum No Inceneritori Forlì Romagna (FC)
- Associazione Clan-Destino Forlì (FC)
- Lista Destinazione Forlì (FC)
- ISDE Forlì-Cesena 
- WWF Forlì-Csena
- Comitato CIF Contro Inceneritori Faenza (RA)
- Comitato No Matrix Conselice (RA)
- Comitato Ambiente & Salute Riccione (RN)
- Wwf Rimini (RN)
- Comitato Rimini Up Town (RN)
- Comitato Sant’andrea Besanigo, Coriano di Rimini (RN)
- Comitato Cerasolo Ausa, Coriano di Rimini (RN)
- Comitato Santa Giustina di Rimini (RN)
- La Selva Oscura Reforestation Lab Rimini (RN)
- Aldo Caffagnini blogger di Parma – “Sporco Diario” (PR)
- Associazione Gestione Corretta dei Rifiuti Risorse Parma (PR)
- Sandra Poppi Modena (MO)
- Comitato Modena Salute Ambiente” (MO)
- Nadia D’Arco Bologna (BO)
- Comitato Ambiente & Salute Bologna (BO)
- ADAS regione Emilia Romagna (BO)
- Tamara Dalfiume attivista ambientalista Monterenzio (BO)
- Comitato Rifiuti Zero Bologna (BO)
- Angelo Ganassi, ambientalista, Cà del Bosco di Sopra (RE)
- Collettivo Nonviolento Uomo Ambiente – Bassa reggiana (RE)
- Comitato Provinciale Acqua bene Comune – Reggio Emilia (RE)
- Coordinamento Provinciale Comitati Salute e Ambiente – Reggio Emilia (RE)
- Legambiente Appennino Reggiano (RE)
- Associazione Ambiente e Salute di Correggio e San Martino in Rio (RE)
- Lista Civica “Toano Virtuosa” (RE)
- Comitato Fermare la Discarica (Carpineti – RE)
- Ecologicamente (Toano – RE)
- Rurali Reggiani (RE)
- Tavolo “No alla maxiutility, Sì alle ripubblicizzazioni” (RE)
- Comitato Acqua Bene Comune Piacenza (PC)
- Luigi Gasparini, Medico igienista preoccupato per la Salute Pubblica ed anche per il Rischio Sismico e Referente per la Provincia di Ferrara dell’Associazione Medici per l’Ambiente ISDE Italia (International Society of Doctors for the Environment)
- Viviana Manganaro, ambientalista, Rimini (RN)
- Fabio Re, ambientalista, Rimini (RN) 

Rossano Ercolini, presidente di Zero Waste Italy e Zero Waste Europe, Goldman Environmental Prize 2013