VALORIZZARE DIFENDERE SALVAGUARDARE LA VAL DI SIEVE

L' Associazione Valdisieve persegue le finalità di tutelare l'ambiente, il paesaggio, la salute, i beni culturali, il corretto assetto urbanistico, la qualità della vita e la preservazione dei luoghi da ogni forma d'inquinamento, nell'ambito territoriale dei comuni della Valdisieve e limitrofi.

venerdì 13 giugno 2014

INCONTRO IN PARLAMENTO DEL MOVIMENTO LEGGE RIFIUTI ZERO


INCONTRO IN PARLAMENTO DEL MOVIMENTO LEGGE RIFIUTI ZERO

  Il Movimento Legge Rifiuti Zero ha incontrato ieri in Parlamento i gruppi del M5S – MPA – PD ed il presidente della Commissione Ambiente alla Camera dei deputati con l’intento di  definire la calendarizzazione della proposta di legge di iniziativa  popolare da noi depositata ad Ottobre 2013 con circa 86.000 firme.
  Negli incontri sono stati affrontati i temi generali legati  all’avanzata della strategia Rifiuti Zero in Italia ed in Europa ed  ovviamente chiesto un preciso impegno perché sia finalmente  portata in Aula alla Camera dei deputati la PRIMA LEGGE DI  INIZIATIVA POPOLARE che pone al Governo ed al Parlamento tutto  la possibilità che si riconosca l’esercizio costituzionale del diritto  sancito all’art. 71 – “Il popolo esercita l'iniziativa delle leggi,  mediante la proposta, da parte di almeno cinquantamila elettori,  di un progetto redatto in articoli".
  Abbiamo registrato di fatto un unanime consenso sull’appoggio alla nostra proposta di legge, superando anche alcune limitate incomprensioni con il M5S su un punto specifico di cui ci eravamo
già impegnati a concordare una migliore formulazione lessicale che sgombri il campo da qualsiasi equivoco, nella ferma convinzione che occorre oggi una operazione di totale revisione giuridica, di generale riconversione tecnologica e soprattutto di un grande percorso culturale di partecipazione popolare.
   Ribadiamo che l’avvio del percorso segnato dalla Legge Rifiuti Zero in Italia possa essere la vera sfida alla creazione di un ciclo virtuoso che oltre a tutelare l’ambiente e la salute possa dare una risposta di immediata attuazione in termini di riavvio di un ciclo produttivo sostenibile per la creazione di circa 400.000 nuovi posti di lavoro.
   Un ciclo virtuoso che va dalla raccolta “porta a porta” generalizzata alla introduzione della Tariffa puntuale, dall’attivazione dei Centri di riuso e riparazione alla realizzazione di impianti di riciclo dei materiali inorganici e di compostaggio dei materiali organici, dalla revisione del sistema di contributi CONAI all’introduzione della tassa sul “vuoto a perdere”.
   Senza dimenticare le norme di contrasto come la moratoria contro gli inceneritori e la produzione di energia dai rifiuti, la revoca degli incentivi a forme di energia non rinnovabile, la revoca del D.M. Clini contro il CSS, la revoca dei contratti capestro per i Comuni per conferire negli inceneritori, la normativa sul reato di danno ambientale, la moratoria per le discariche di amianto e tanto altro ancora.

QUESTA E’ LA VERA RIVOLUZIONE CULTURALE CHE PROPONIAMO AL PARLAMENTO, ma anche da iniziare ad attuare in parte già SUBITO a partire dai territori più colpiti dalla devastazione messa in atto in Campania ma che di fatto unisce TUTTE LE REGIONI.

Roma 13 giugno 2014
Portavoce nazionale

Massimo Piras