VALORIZZARE DIFENDERE SALVAGUARDARE LA VAL DI SIEVE

L' Associazione Valdisieve persegue le finalità di tutelare l'ambiente, il paesaggio, la salute, i beni culturali, il corretto assetto urbanistico, la qualità della vita e la preservazione dei luoghi da ogni forma d'inquinamento, nell'ambito territoriale dei comuni della Valdisieve e limitrofi.

Molino del Piano: INCONTRO CON ROBERTO CAVALLO

Molino del Piano: INCONTRO CON ROBERTO CAVALLO
20 OTTOBRE a Molino del Piano: ore 19.00 Apericena a Km zero, a seguire parliamo di Economia Circalare e Rifiuti Zero con ROBERTO CAVALLO

da rifiuto a risorsa


EVENTI

http://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/E_MD_CLR.GIFhttp://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/V_MD_CLR.GIFhttp://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/E_MD_CLR.GIFhttp://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/N_MD_CLR.GIFhttp://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/t_md_clr-3.gifhttp://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/i_md_clr-4.gif
TUTTI GLI EVENTI DELLE MAMME NO INCENERITORE E NON SOLO: QUI
vedi anche il loro profilo FB

20 Ottobre dalle ore 19.00:
APERICENA A KM ZERO
circolo ARCI la Torretta Molino del Piano, con ROBERTO CAVALLO

A SEGUIRE (ORE 21.00):
ECONOMIA CIRCOLARE E RIFIUTI ZERO, sempre con ROBERTO CAVALLO

************************

· NUOVA Petizione “Stop alla costruzione di nuovi inceneritori, Sì alla raccolta differenziata!”

CALENDARIO

giovedì 28 marzo 2013

MONTALE: Inceneritore, scelgano i cittadini

Per l'inceneritore di MONTALE (forse) un referendum (e si tratta solo di un piccolo ampliamento che nel PIR viene valutato in 12 milioni di euro - il nostro ne costerà 90 - soltanto??). Per quello della PIANA (forse) divisioni interne al PD (salta non salta?). Per quello in VALDISIEVE tutto procede secondo la tabella di marcia (o quasi), però è l'unico che ha già le autorizzazioni e le convinzioni granitiche di tutti i nostri SINDACI (grazie!). 
 
Il sindaco Scatragli e il consigliere provinciale La Pietra chiedono la consultazione referendaria per decidere del futuro dell’impianto
 
 
Siano i cittadini a decidere cosa fare dell’inceneritore di Montale, con una consultazione referendaria. A proporre il referendum non è un politico qualsiasi, ma proprio il primo cittadino di Montale, il sindaco David Scatragli (nella foto), preoccupato che salti la realizzazione dell’impianto di Case Passerini, con conseguente - inevitabile - ampliamento di quello di Montale.
«Il futuro dell'inceneritore di Montale deve essere deciso dai cittadini e non nelle segrete stanze dell'Ato». È quanto hanno affermato oggi in una conferenza stampa Scaragli, l’assessore all’ambiente Lisa Taiti e il consigliere provinciale di Pistoia Patrizio La Pietra (Pdl). «Il rischio - spiega La Pietra - è che a causa di divisioni interne al Pd, salti la realizzazione dell'impianto di Case Passerini. Questo comporterebbe inevitabilmente l'ampliamento del termovalorizzatore di Montale, nonostante la riduzione dei rifiuti prodotti in questi ultimi anni, grazie anche alla buona riuscita della raccolta differenziata, non giustifichi questo provvedimento. Una eventuale decisione in tal senso penalizzerebbe gli abitanti della Piana pistoiese, perciò vogliamo che siano proprio questi cittadini ad esprimersi, tramite un referendum od altra forma di partecipazione che individueremo».

28 marzo 2013

Fonte: clicca qui per aprire il link (le sottolineature e grassetti sono nostri)