VALORIZZARE DIFENDERE SALVAGUARDARE LA VAL DI SIEVE

L' Associazione Valdisieve persegue le finalità di tutelare l'ambiente, il paesaggio, la salute, i beni culturali, il corretto assetto urbanistico, la qualità della vita e la preservazione dei luoghi da ogni forma d'inquinamento, nell'ambito territoriale dei comuni della Valdisieve e limitrofi.

sabato 16 marzo 2013

COMUNICATO STAMPA: DIOSSINE A BACIACAVALLO


 COMUNICATO STAMPA: DIOSSINE A BACIACAVALLO

L’inceneritore di Baciacavallo, che dal 1979 tratta circa 90 tonnellate/giorno di fanghi da depurazione
industriale e civile, da molto tempo avrebbe dovuto sollevare un “allarme diossina”: tanti sono stati infatti i segnali che nel tempo si sono succeduti ma che purtroppo sono rimasti sempre inascoltati, sia da parte del Sindaco ( massima Autorità locale in campo sanitario) che da parte delle Istituzioni preposte.
NON sono bastate infatti le indagini epidemiologiche che, eseguite a più riprese dal 1998 al 2005,
hanno sempre dimostrato una maggiore incidenza di malattie tumorali fra i cittadini residenti in
prossimità dell’iimpianto, in particolare per cancro al polmone.
NON è bastato neppure il riscontro nel 2007 di diossine oltre 11 volte il limite al momento in vigore (46,2 ng/kg di PCDD/F-PCB – WHO TEQ a fronte di un limite di 4 ng/Kg) in un pollo ruspante allevato a circa 700 metri dall’impianto. Ricordiamo che questo campione era stato individuato come riferimento (“bianco”) nel corso delle indagini su matrici biologiche effettuate dall’ASL di Pistoia a seguito del doppio superamento dei limiti per emissioni di diossine nell’ inceneritore di Montale e proprio questo campione risultò quello più fortemente contaminato fra gli oltre 40 campioni analizzati nel corso della suddetta indagine.
Non sono bastate le numerose diffide che la Provincia, su segnalazione degli organi di controllo
(ARPAT), ha emesso negli anni nei confronti di Gida SPA; Gestore dell’impianto, che ha costantemente
disatteso le prescrizioni contenute nell’Autorizzazione Integrata Ambientale. In particolare sono state
disattese le prescrizioni relative allo SME (sistema di monitoraggio degli inquinanti in continuo); del tutto recentemente, il gestore ha poi chiesto ed ottenuto dalla Provincia stessa di non misurare il parametro dell’HCL (acido cloridrico).
L’HCL è un inquinante molto importante in particolare quando si ha a che fare con inceneritori di fanghi
industriali, quale quello di Baciacavallo, in quanto è un precursore dell’esaclorobenzene (HCB),
sostanza tossica, persistente che rientra fra i 12 POPs ( Persistent Organic Pollutant) identificati e messi al bando dalla Convenzione di Stoccolma già nel 2001 per le gravi conseguenze per la salute umana e per l’ambiente che la loro esposizione comporta.
In particolare, da un recente Rapporto dell’ ISPRA l’inceneritore di Baciacavallo risulta essere la più importante fonte emissiva di ESACLOROBENZENE (HCB) in Italia.
A fronte di questo assordante silenzio si è costituita una Associazione senza scopo di lucro VAS (VITA
AMBIENTE SALUTE) che sulla base di esperienze fatte anche in altre località italiane interessate da
insediamenti industriali o inceneritori (quali Taranto, Forlì, Ravenna ...) e col supporto scientifico della
Associazione o.n.l.us. di Medicina Democratica nazionale, ha raccolto i fondi per effettuare analisi su
campioni di polli allevati nell’area di ricaduta dell’inceneritore di Baciacavallo in un raggio massimo di 2
km.
I risultati delle analisi hanno purtroppo confermato tutte le nostre preoccupazioni:
Tutti e tre i campioni sono risultati positivi , ovvero sopra i limiti imposti dalle normative per la
sicurezza alimentare e, se consideriamo anche il campione del 2007, possiamo affermare senza ombra
di smentita che il 100% dei campioni esaminati è gravemente contaminato per presenza di diossine e
FURANI ( PCDD/F ) e PCB diossino simili. In tutti i campioni si riscontra inoltre presenza di HCB, che nel campione 1 raggiunge valori oltre 4 volte quelli mediamente riscontrati in indagini analoghe.

Cosa sono DIOSSINE E PCB e quali gli effetti sulla salute ?
Diossine e Furani costituiscono un gruppo di 210 molecole, di cui è capostipite la “diossina di Seveso”
(TCDD). Le diossine si formano come sottoprodotti involontari sia nei processi di combustione di
plastiche clorurate o altre sostanze organiche in presenza di cloro, catalizzatori ed in particolari
condizioni di temperatura, sia nel corso di processi chimici ( produzione di pesticidi).
A differenza delle diossine, i PCB (Policlorobifenili) sono stati prodotti deliberatamente dall’uomo tramite processi industriali ed usati sia in sistemi chiusi (trasformatori) che come additivi per ritardanti di fiamma, antiparassitari ecc. Si tratta di composti molto stabili, anche ad alte temperature che si decompongono solo oltre i 1000-1200 C. La loro produzione è iniziata negli anni ‘30 ed è perdurata per oltre 50 anni, fino al 1985, quando sono stati ufficialmente banditi stante la loro pericolosità. Se ne conoscono 209 congeneri; 12 di questi, denominati “dioxin-like” (PCB dl), sono molto affini alle diossine, ma anche i restanti 197 rappresentano un rischio per la salute.
Diossine, PCB ed Esaclorobenzene rientrano fra i POPs messi al bando dalla Convenzione di
Stoccolma già nel 2001. Questa Convenzione, che aveva lo scopo di proteggere la salute umana da queste pericolose molecole, è stata sottoscritta anche dall’Italia ma mai ratificata a differenza di quanto accaduto in tutti gli altri paese europei!

La TCDD già nel 1997 è stata riconosciuta come cancerogeno certo per l’uomo ad azione multiorgano ed successivamente anche un furano ed il PCB 126 sono stati classificati nel medesimo modo, tuttavia
anche se l’effetto cancerogeno è stato quello affrontato per primo e quindi più studiato, ciò che oggi
emerge con sempre maggiore evidenza per l’insieme di queste molecole è la complessa azione di
squilibrio endocrino-immuno-metabolico che esse comportanto per cui l’effetto oncogeno appare essere più una conseguenza, che non una diretta azione. Di fatto l’esposizione a diossine è correlata sia allo sviluppo di tumori (in particolare, per la diossina di Seveso (TCDD) a linfomi, sarcomi, tumori a fegato, mammella, polmone, colon) sia , per la loro azione di molecole “ormonomimetiche” a disturbi quali: danni riproduttivi, abortività, malformazioni specie urogenitali, endometriosi, anomalie dello sviluppo cerebrale, endocrinopatie (in particolare diabete e tiroide), disturbi polmonari, danni metabolici con innalzamento di colesterolo e trigliceridi, danni cardiovascolari, epatici, cutanei, deficit del sistema immunitario. Purtroppo ì rischi per esposizione a queste molecole non si limitano alle persone esposte, ma possono essere transgenerazionali in quanto vengono danneggiate gli stessi gameti.
Questi dati sono assolutamente preoccupanti soprattutto se letti in un contesto di scelte strutturali che
comporteranno un pesante aggravio di una situazione ambientale e sanitaria già gravemente
compromessa e che faranno della Piana Firenze – Prato – Pistoia una vera e propria “camera a gas.”

INCENERITORE DI SELVAPIANA - INCENERITORE DI CASE PASSERINI - POTENZIAMENTO DELL'AEROPORTO DI PERETOLA – INCENERITORE DI BACIACAVALLO – POTENZIAMENTO DELL'INCENERITORE DI MONTALE:

SONO TUTTE OPERE INUTILI, COSTOSE, ESTREMAMENTE DANNOSE PER NOI E PER LE
GENERAZIONI A VENIRE

I CITTADINI DICONO BASTA!