VALORIZZARE DIFENDERE SALVAGUARDARE LA VAL DI SIEVE

L' Associazione Valdisieve persegue le finalità di tutelare l'ambiente, il paesaggio, la salute, i beni culturali, il corretto assetto urbanistico, la qualità della vita e la preservazione dei luoghi da ogni forma d'inquinamento, nell'ambito territoriale dei comuni della Valdisieve e limitrofi.

venerdì 23 marzo 2012

830.000 metri cubi di possibili rifiuti scavati per la Stazione Foster che non sappiamo dove stanno andando a finire

Comunicato stampa
Cantieri TAV, De Zordo e Grassi : “830.000 metri cubi di possibili rifiuti scavati per la Stazione Foster che non sappiamo dove stanno andando a finire”. 
“Nel Piano Ambientale di Cantierizzazione che l’Assessore Mattei ha spesso citato in risposta alle nostre interrogazioni con cui chiedevamo dove erano diretti e cosa trasportavano di preciso i camion che in gran numero stanno uscendo dal cantiere del Lippi, – affermano i Consiglieri comunali Ornella De Zordo e Tommaso Grassi - non sono affatto individuati i siti finali di destinazione: si tratterebbe di 830.000 metri cubi di possibili rifiuti scavati nel cantiere della Stazione Foster che non sappiamo dove stanno andando a finire”.
“In mancanza di qualunque dato certo ottenuto finora, abbiamo chiesto all’Osservatorio Ambientale, all’Ufficio Nodo del Comune e ad RFI di consegnarci una copia dei dati relativi al quadro giornaliero delle partenze dei camion in uscita dal cantiere della stazione Foster e la documentazione riguardante la caratterizzazione chimica delle terre e rocce stoccate prevista dal Piano di campionamento. ”
“Aggiungiamo che le prescrizioni del Nucleo per la Valutazione di Impatto Ambientale della Regione Toscana e del Ministero dell’Ambiente espresse nella procedura di VIA, affermano in particolare per il cantiere degli ex-Macelli che si individuino ‘accorgimenti che consentano di escludere, o di ridurre al minimo, l’utilizzazione della viabilità pubblica per il trasporto del materiale di cantiere’ : i lavori stanno dunque procedendo in base a un PAC che autorizza procedure in contrasto con le prescrizioni date da Regione e Ministero?”.