VALORIZZARE DIFENDERE SALVAGUARDARE LA VAL DI SIEVE

L' Associazione Valdisieve persegue le finalità di tutelare l'ambiente, il paesaggio, la salute, i beni culturali, il corretto assetto urbanistico, la qualità della vita e la preservazione dei luoghi da ogni forma d'inquinamento, nell'ambito territoriale dei comuni della Valdisieve e limitrofi.

Molino del Piano: INCONTRO CON ROBERTO CAVALLO

Molino del Piano: INCONTRO CON ROBERTO CAVALLO
20 OTTOBRE a Molino del Piano: ore 19.00 Apericena a Km zero, a seguire parliamo di Economia Circalare e Rifiuti Zero con ROBERTO CAVALLO

da rifiuto a risorsa


EVENTI

http://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/E_MD_CLR.GIFhttp://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/V_MD_CLR.GIFhttp://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/E_MD_CLR.GIFhttp://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/N_MD_CLR.GIFhttp://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/t_md_clr-3.gifhttp://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/i_md_clr-4.gif
TUTTI GLI EVENTI DELLE MAMME NO INCENERITORE E NON SOLO: QUI
vedi anche il loro profilo FB

20 Ottobre dalle ore 19.00:
APERICENA A KM ZERO
circolo ARCI la Torretta Molino del Piano, con ROBERTO CAVALLO

A SEGUIRE (ORE 21.00):
ECONOMIA CIRCOLARE E RIFIUTI ZERO, sempre con ROBERTO CAVALLO

************************

· NUOVA Petizione “Stop alla costruzione di nuovi inceneritori, Sì alla raccolta differenziata!”

CALENDARIO

venerdì 15 giugno 2007

ATO6 Osservazioni sul piano indutriale

ATO 6 E PIANO INDUSTRIALE PER I RIFIUTI SOLIDI URBANI ED ASSIMILATI
Il termine per le osservazioni dei cittadini scade il 12 giugno


L'ASSOCIAZIONE VALDISIEVE ha risposto in tempo con le seguenti Osservazioni:
In riferimento all’Aggiornamento del Piano Territoriale di Ambito dell’Area Metropolitana Fiorentina n. 6 – aprile 2007, si fa presente che in fase di revisione del Piano Industriale di ATO 6 non possono essere riprese le proposte del precedente Piano (adottato con Assemblea Consortile di ATO n.1 del 1-04-2004) senza considerare le migliori tecniche disponibili, presenti nello scenario mondiale. Ad oggi i sistemi di filiera più virtuosi ovviano alle problematiche di stoccaggio di rifiuti speciali risultanti dai trattamenti termici quali scorie e ceneri, permettono un recupero maggiore di materiali riutilizzabili, diminuiscono le emissioni di gas serra. In aggiunta alle indubbie caratteristiche positive appena elencate, possono modulare la propria capacità di smaltimento adeguandola alle variazioni di fabbisogno stagionali senza incidere sul costo e senza dover ricorrere all’importazione/esportazione di rifiuti da/a altri ATO. Tuttavia l’aspetto di gran lunga più interessante e rassicurante, al di là dei vantaggi di ordine economico-organizzativo sopra descritti, è rappresentato dalla non generazione di emissioni, essendo ormai ampliamente dimostrato dai più recenti studi scientifici in materia quanto siano pericolose per la salute umana e l’ambiente ..per leggere tutto il documento clicca qui...
(vedasi allegato n.1).
Bibbliografia