VALORIZZARE DIFENDERE SALVAGUARDARE LA VAL DI SIEVE

L' Associazione Valdisieve persegue le finalità di tutelare l'ambiente, il paesaggio, la salute, i beni culturali, il corretto assetto urbanistico, la qualità della vita e la preservazione dei luoghi da ogni forma d'inquinamento, nell'ambito territoriale dei comuni della Valdisieve e limitrofi.

martedì 30 gennaio 2018

Sicilia: La storia di quando cacciammo A2A dalla Valle del Mela

BY  · PUBLISHED  · UPDATED 

Sulla manifestazione di domenica 28 gennaio 2018
Dieci mila cuori inarrestabili. Ecco qual è il significato di questa giornata storica: noi donne e uomini della Valle del Mela siamo pronti a difendere il nostro territorio, i nostri figli, la nostra vita con qualunque mezzo necessario. A2A se ne faccia una ragione, non le basterà il favore, molto sospetto, del Gentiloni, Galletti o Crocetta di turno: la valle del mela la caccerà.
“I nostri rifiuti non saranno la vostra ricchezza!”. Uno slogan semplice che significa che la Valle del Mela vuole la differenziata a livelli di eccellenza, che vuole posti di lavoro da un ciclo di rifiuti virtuoso (come a Treviso per esempio), che non vuole morire per le diossine prodotte dai colossi industriali finanziando il loro profitto.
Un movimento quello di ieri che tende la mano ai fratelli lavoratori, perché si uniscano nella progettazione di un territorio libero dai veleni dell’industria pesante, che sia madre per tutti i suoi figli, che non li obblighi a portare a case un pezzo di pane avvelenato. Iniziamo a bloccare l’inceneritore, continuiamo col pensare all’era senza industria pesante per la Valle del Mela e stringiamo un nuovo patto fra noi. Un patto in cui cacciamo a pedate il capitale straniero che viene da fuori, dal Nord (da Milano, da Brescia, ad esempio, comuni azionisti di A2A) a insozzare il nostro paradiso, obbligandoci a partire, verso mete lontane, in cerca di lavoro o di ospedali per curare il cancro.
Che lo sappiano ai piani alti: la valle del Mela si è risvegliata! E non ci parlino di legalità quando i primi a infischiarsene sono loro: l’inceneritore è illegale a norma del piano paesaggistico e Gentiloni lo sa, ma vuole imporlo, perché le pressioni sono fortissime. La lotta sarà dilagante, inarrestabile, perché il sentimento di giustizia è una forza potentissima ed è nei cuori di ogni persona della Valle. È quel sentimento che urla nel petto quanto sia giusto ribellarsi e lottare per difendere i bimbi, i vecchi e il proprio diritto di rimanere in questa terra bellissima e avere di che vivere, senza ammazzare nessuno. A2A è avvertita, la Sicilia la caccerà #Fuoridaipolmoni!