VALORIZZARE DIFENDERE SALVAGUARDARE LA VAL DI SIEVE

L' Associazione Valdisieve persegue le finalità di tutelare l'ambiente, il paesaggio, la salute, i beni culturali, il corretto assetto urbanistico, la qualità della vita e la preservazione dei luoghi da ogni forma d'inquinamento, nell'ambito territoriale dei comuni della Valdisieve e limitrofi.

lunedì 7 novembre 2016

Lancio del sito web “Distretto Locale di Economia Circolare” – DLEC

da  | Nov 2, 2016 | NEWS | 0 Comments
Economia Circolare: molti ne parlano, noi la promuoviamo sul territorio generando “Distretti Virtuosi”
E’ con gran soddisfazione che da oggi mettiamo a disposizione un “sistema concreto” di imprese impegnate a promuovere esperienze di economia circolare. Questo non poteva non avvenire che all’interno del contesto territoriale dal quale è sorto il movimento Rifiuti Zero e cioè nella piana di Lucca che, ricordiamolo, sconfiggendo nel 1997 la previsione di un inceneritore ha visto balzare agli onori della cronaca di tutta Europa il percorso Zero Waste del Comune di Capannori.
Ed è proprio dal Centro di Ricerca Rifiuti Zero che nasce il Progetto che oggi muove i primi passi organizzativi sostanziando un’idea di “impresa” non inghiottita dal miope riduzionismo industrialista ma allargata ad un’idea ampia, di respiro ed innovativa che non solo include oltre al settore manifatturiero anche l’agricoltura, i servizi,  compresi quelli rivolti alla accoglienza e alla ospitalità ma anche l'”impresa sociale” (vedi l’esperienza del Borgo di Rondine) e l’ “impresa artistica” (vedi il percorso della Gaudats Junk Band) e la Ricerca.
Creare sinergia e sinergie è lo scopo di questo servizio gratuito fornito ad iniziative economiche e non solo “visionarie” ed allo stesso tempo impegnate concretamente sui territori. Lo scopo strategico di questo “circuito” è quello di “connettere” e porre in risalto esperienze che coinvolgono sia “macro-soggetti” sia “piccoli start up” accomunati dall’impegno materiale ed immateriale di “uscire” da una “economia lineare” ad una sempre più attenta a “copiare” i “modelli naturali” di tipo circolare.
Il valore aggiunto atteso è quello di scambiare esperienze, di contaminarle e di integrarle rafforzando e rinnovando l’idea stessa di “distretto produttivo”.
La necessità di “estrarre dal cassonetto” le risorse e le materie prime in presenza di quella che viene definita la “Row Materials scarcity” che caratterizzerà almeno i prossimi 25 anni la dice lunga come oggi ancora colpevolmente in mezzo alla insensatezza dello “spreco” divenga  necessario  dar vita a processi produttivi e a processi culturali, formativi e di ricerca  tesi a “muovere dall’Età dei rifiuti alla Età delle risorse” prelevandole non dai giacimenti naturali ma da quelli urbani.
Oggi Ecologia, sostenibilità ed Economia (sottratta ai riduzionismi del passato) devono divenire due facce della stessa medaglia: la difesa del nostro pianeta.
Ed il Pianeta Globale lo si difende promuovendo su ogni territorio esperienze concrete in grado di fornire lavoro e lavori, di promuovere “impresa locale” e senso di comunità mirando le produzioni non all’usa e getta ma all’allungamento del ciclo di vita di prodotti da riusare, riparare, disassemblare e riciclare.
Si’ lo possiamo fare! Lo dobbiamo fare ed in fretta. Il tempo a disposizione è sempre più breve.
Ecco quindi il sito del Distretto Locale di Economia Circolare (DLEC):