VALORIZZARE DIFENDERE SALVAGUARDARE LA VAL DI SIEVE

L' Associazione Valdisieve persegue le finalità di tutelare l'ambiente, il paesaggio, la salute, i beni culturali, il corretto assetto urbanistico, la qualità della vita e la preservazione dei luoghi da ogni forma d'inquinamento, nell'ambito territoriale dei comuni della Valdisieve e limitrofi.

Molino del Piano: INCONTRO CON ROBERTO CAVALLO

Molino del Piano: INCONTRO CON ROBERTO CAVALLO
20 OTTOBRE a Molino del Piano: ore 19.00 Apericena a Km zero, a seguire parliamo di Economia Circalare e Rifiuti Zero con ROBERTO CAVALLO

da rifiuto a risorsa


EVENTI

http://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/E_MD_CLR.GIFhttp://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/V_MD_CLR.GIFhttp://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/E_MD_CLR.GIFhttp://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/N_MD_CLR.GIFhttp://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/t_md_clr-3.gifhttp://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/i_md_clr-4.gif
TUTTI GLI EVENTI DELLE MAMME NO INCENERITORE E NON SOLO: QUI
vedi anche il loro profilo FB

20 Ottobre dalle ore 19.00:
APERICENA A KM ZERO
circolo ARCI la Torretta Molino del Piano, con ROBERTO CAVALLO

A SEGUIRE (ORE 21.00):
ECONOMIA CIRCOLARE E RIFIUTI ZERO, sempre con ROBERTO CAVALLO

************************

· NUOVA Petizione “Stop alla costruzione di nuovi inceneritori, Sì alla raccolta differenziata!”

CALENDARIO

mercoledì 27 luglio 2016

MAMMENOINCENERITORE: MODELLO FIRENZE? NO, GRAZIE

Le Mamme No Inceneritore sconsigliano fortemente al Sindaco di Sesto Fiorentino Lorenzo Falchi di seguire i consigli di Alessia Bettini, assessore all'ambiente del Comune di Firenze.
Firenze modello per la gestione dei rifiuti??! I cassonetti straripano e spesso i rifiuti sono lasciati ai lati, (le svariate segnalazioni e le foto che pubblichiamo lo testimoniano).
Quanto al modello fiorentino vede un'organizzazione con ben 4 sistemi diversi:
1) PORTA A PORTA limitato a pochissime strade;
2) CASSONETTI A CALOTTA (con chiavetta per l'indifferenziato, e gli altri aperti, così che spesso la gente butta nella carta, nell'organico e nella plastica anche l'indifferenziato);
3) CASSONETTI TRADIZIONALI, spesso in cattive condizioni;
4) CALOTTE INTERRATE nel centro storico! Quest'ultimo sistema è costato e costa un'enormità alle casse pubbliche senza incrementare in modo significativo la percentuale di raccolta differenziata di Firenze, che secondo i dati ISPRA è al di sotto del 50%!! Una miseria!
E a fronte di questo scarso servizio paghiamo una delle tariffe dei rifiuti più alta di Italia.
Quindi consigliamo al sindaco Lorenzo Falchi di prendere come esempio le centinaia di Comuni molto più virtuosi che hanno un'altissima percentuale di raccolta differenziata e centri di riuso, con tariffe molto più basse e un sistema che produce soldi e posti di lavoro.
Già... ma questi Comuni, che sono esempi positivi, non mirano a costruire un inceneritore... mirano a creare un sistema virtuoso dove guadagnino tutti, in primis i cittadini. E ce ne sono molti in Italia!
Peccato che Firenze non sia fra questi.