VALORIZZARE DIFENDERE SALVAGUARDARE LA VAL DI SIEVE

L' Associazione Valdisieve persegue le finalità di tutelare l'ambiente, il paesaggio, la salute, i beni culturali, il corretto assetto urbanistico, la qualità della vita e la preservazione dei luoghi da ogni forma d'inquinamento, nell'ambito territoriale dei comuni della Valdisieve e limitrofi.

Molino del Piano: INCONTRO CON ROBERTO CAVALLO

Molino del Piano: INCONTRO CON ROBERTO CAVALLO
20 OTTOBRE a Molino del Piano: ore 19.00 Apericena a Km zero, a seguire parliamo di Economia Circalare e Rifiuti Zero con ROBERTO CAVALLO

da rifiuto a risorsa


EVENTI

http://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/E_MD_CLR.GIFhttp://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/V_MD_CLR.GIFhttp://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/E_MD_CLR.GIFhttp://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/N_MD_CLR.GIFhttp://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/t_md_clr-3.gifhttp://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/i_md_clr-4.gif
TUTTI GLI EVENTI DELLE MAMME NO INCENERITORE E NON SOLO: QUI
vedi anche il loro profilo FB

20 Ottobre dalle ore 19.00:
APERICENA A KM ZERO
circolo ARCI la Torretta Molino del Piano, con ROBERTO CAVALLO

A SEGUIRE (ORE 21.00):
ECONOMIA CIRCOLARE E RIFIUTI ZERO, sempre con ROBERTO CAVALLO

************************

· NUOVA Petizione “Stop alla costruzione di nuovi inceneritori, Sì alla raccolta differenziata!”

CALENDARIO

giovedì 30 giugno 2016

Sottoattraversamento Tav, Nardella: “Opportuna una verifica con Regione, governo e Ferrovie”


Dario Nardella



Una “verifica” con “Regione Toscana, governo e Ferrovie dello Stato”, per “modificare” il progetto di sottoattraversamento Tav a Firenze: ad annunciarne la richiesta è stato il sindaco del capoluogo toscano Dario Nardella, che ha sottolineato di non aver “mai fatto mistero di avere perplessità al riguardo, come del resto il mio predecessore Matteo Renzi” e che “i cantieri sono bloccati da quando faccio il sindaco”. “Abbiamo anche sempre detto che le opere pubbliche devono andare avanti – ha spiegato Nardella – ma questa situazione ci porta al dovere di verificare se, tenuto conto che stiamo parlando di un’opera progettata 20 anni fa, vi siano grazie alle nuove tecnologie emerse in questi anni le condizioni per garantire gli stessi risultati, quegli stessi servizi in termini di miglioramento del trasporto regionale, di facilitazione del trasporto di alta velocità, spendendo molti meno soldi e modificando un’opera che è altamente impattante”. 
Secondo Nardella “questa sia una verifica opportuna, che come sindaco intendo fare, ma non da solo e ribadisco che la mia idea è quella di lavorare in squadra con la Regione Toscana, con il presidente Rossi, con il quale già in passato abbiamo esaminato ipotesi del genere, con il governo, ovviamente ,e soprattutto con Ferrovie dello Stato che è il dominus il titolare di questa opera pubblica. Ritengo che l’intelligenza e il progresso delle tecnologie ci consentano di verificare un miglioramento e una modifica di quell’opera pubblica spendendo molti meno soldi pubblici ed impattando molto meno sul territorio”. 
Non individuo io le soluzioni tecniche” 
Rispondendo ai cronisti che gli chiedevano se ritenesse opportuno abbandonare il piano attuale di costruzione di una stazione sotterranea, e, più in generale, di procedere alla realizzazione di un attraversamento cittadino su binari di superficie, il sindaco ha risposto che “le soluzioni tecniche non sta a me individuarle, soprattutto da solo”; allo stesso tempo ha sottolineato che, da sindaco “chiedere una verifica, è mio dovere e diritto. Da sindaco, resti a braccia conserte? il cantiere è fermo e nessuno ci dà delle risposte. Io sto ponendo un tema”. Nardella ha tenuto a ribadire di non “intendere arrivare a conclusioni o agire senza un pieno accordo con la regione Toscana e con il presidente Rossi, perchè su queste partite dobbiamo lavorare insieme”. Alla domanda su che fare, in caso di abbandono del progetto di realizzazione della stazione sotterranea Foster, dei volumi dell’area, il sindaco ha risposto che “ci sono tanti impieghi che si possono fare dei volumi che abbiamo a disposizione in questa città, se c’è modo di sedersi a un tavolo lo verifichiamo”.