VALORIZZARE DIFENDERE SALVAGUARDARE LA VAL DI SIEVE

L' Associazione Valdisieve persegue le finalità di tutelare l'ambiente, il paesaggio, la salute, i beni culturali, il corretto assetto urbanistico, la qualità della vita e la preservazione dei luoghi da ogni forma d'inquinamento, nell'ambito territoriale dei comuni della Valdisieve e limitrofi.

17 DICEMBRE A MOLINO DEL PIANO: MERCATINO DISCO SOUPE E TANTO ALTRO

17 DICEMBRE A MOLINO DEL PIANO: MERCATINO DISCO SOUPE E TANTO ALTRO
17 DICEMBRE A MOLINO DEL PIANO: MERCATINO DISCO SOUPE E TANTO ALTRO.

da rifiuto a risorsa


EVENTI

http://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/E_MD_CLR.GIFhttp://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/V_MD_CLR.GIFhttp://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/E_MD_CLR.GIFhttp://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/N_MD_CLR.GIFhttp://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/t_md_clr-3.gifhttp://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/i_md_clr-4.gif
TUTTI GLI EVENTI DELLE MAMME NO INCENERITORE E NON SOLO: QUI
vedi anche il loro profilo FB

20 Ottobre dalle ore 19.00:
APERICENA A KM ZERO
circolo ARCI la Torretta Molino del Piano, con ROBERTO CAVALLO

A SEGUIRE (ORE 21.00):
ECONOMIA CIRCOLARE E RIFIUTI ZERO, sempre con ROBERTO CAVALLO

************************

· NUOVA Petizione “Stop alla costruzione di nuovi inceneritori, Sì alla raccolta differenziata!”

CALENDARIO

martedì 24 maggio 2016

TTIP e posti di lavoro. Quanto ci perde l’Italia

by Stop Ttip Italia

La grande retorica della Commissione Europea e del Ministro Carlo Calenda sui presunti benefici del TTIP al nostro Paese si scontrano davanti a un report della DG Internal Policies commissionato dal Parlamento Europeo.
Secondo il rapporto "TTIP and Jobs" la conclusione del trattato transatlantico "porterà ad una sostanziale riallocazione di posti di lavoro", con un impatto negativo nel breve termine e un ipotetico impatto positivo sul lungo termine, ma in realtà ancora da definire e contabilizzare. L'ipotesi di impatti negativi nel lungo termine si scontra con gli effetti che troppe volte le liberalizzazioni dei mercati hanno portato nella ristrutturazione delle economie, con interi settori che collassano e altri che, pur espandendosi non sono in grado di riassorbire le persone espulse dal mercato del lavoro. Il TTIP avrà impatti diversi a seconda dei Paesi, e l'Italia pare subire gli effetti più pesanti. A pagina 40 del rapporto si vede come l'Italia è seconda solo alla Germania per la perdita di posti di lavoro (quasi 300mila), con guadagni di reddito procapire che non superano lo 0.5%.
TTIPandJOB
Quali saranno i settori più colpiti? In particolar modo l'industria  come la produzione di macchinari elettrici, metalmeccanica, servizi finanziari (pag 38 e 39).
Per far fronte alla perdita di posti di lavoro il documento è chiaro: "programmi speciali di assistenza per gli aggiustamenti legati al commercio, nella forma ad esempio dell'European Globalization Adjustment Fund (EGF), potrebbero essere necessari per ragioni di politca economica considerato che le riallocazioni indotte dal commercio sono percepite come particolarmente ingiuste". Potrebbe essere necessario "strutturare un programma speciale per affrontare le ripercussioni negative dovute al TTIP".
Quanto l'Europa non sia pronta a tutto questo, lo dimostra il taglio dell'EGF da 500 milioni di euro a 150 milioni per il periodo 2014 - 2020. Proprio mente gli Stati Uniti hanno aumentato lo stanziamento a 2.3 miliardi di dollari lo scorso maggio 2015, proprio per contrastare gli effetti negativi del TPP (la Transpacific Partnership) e del TTIP.
Insomma, il combinato disposto degli effetti negativi del TTIP con i piani di austerità e di taglio dei costi sociali potrebbe far diventare il trattato transatlantico ancor più indigeribile di quantò già non sia.
Stop Ttip Italia | 23 maggio 2016 alle 22:07 | Categorie: Blog | URL: http://wp.me/p4obC5-MV