VALORIZZARE DIFENDERE SALVAGUARDARE LA VAL DI SIEVE

L' Associazione Valdisieve persegue le finalità di tutelare l'ambiente, il paesaggio, la salute, i beni culturali, il corretto assetto urbanistico, la qualità della vita e la preservazione dei luoghi da ogni forma d'inquinamento, nell'ambito territoriale dei comuni della Valdisieve e limitrofi.

Molino del Piano: INCONTRO CON ROBERTO CAVALLO

Molino del Piano: INCONTRO CON ROBERTO CAVALLO
20 OTTOBRE a Molino del Piano: ore 19.00 Apericena a Km zero, a seguire parliamo di Economia Circalare e Rifiuti Zero con ROBERTO CAVALLO

da rifiuto a risorsa


EVENTI

http://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/E_MD_CLR.GIFhttp://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/V_MD_CLR.GIFhttp://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/E_MD_CLR.GIFhttp://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/N_MD_CLR.GIFhttp://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/t_md_clr-3.gifhttp://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/i_md_clr-4.gif
TUTTI GLI EVENTI DELLE MAMME NO INCENERITORE E NON SOLO: QUI
vedi anche il loro profilo FB

20 Ottobre dalle ore 19.00:
APERICENA A KM ZERO
circolo ARCI la Torretta Molino del Piano, con ROBERTO CAVALLO

A SEGUIRE (ORE 21.00):
ECONOMIA CIRCOLARE E RIFIUTI ZERO, sempre con ROBERTO CAVALLO

************************

· NUOVA Petizione “Stop alla costruzione di nuovi inceneritori, Sì alla raccolta differenziata!”

CALENDARIO

mercoledì 4 maggio 2016

François Hollande «chiude» al Ttip

di Marco Moussanet04 maggio 2016 

http://www.sokratis.it/
L’ombra del fallimento si allunga sempre più sul Ttip, il Trattato transatlantico di abbattimento delle frontiere commerciali, di liberalizzazione degli scambi e di apertura dei rispettivi mercati che Europa e Stati Uniti stanno negoziando dalla metà del 2013. E che secondo uno studio del Centre for economic policy research di Londra potrebbe consentire un incremento di ricavi annui pari a 120 miliardi di dollari per le imprese europee e di 95 miliardi per quelle americane.

In un contesto di crescente diffidenza da parte delle opinioni pubbliche (secondo un sondaggio della fondazione tedesca Bertelsmann il consenso sul Ttip è passato dal 55% al 17% in Germania e dal 53% al 15% negli States), a mettersi di traverso – ufficialmente e nettamente – è soprattutto la Francia. In un crescendo di prese di posizione.

Già a metà aprile il presidente François Hollande aveva espresso tutte le sue perplessità: «Parigi ha fissato le proprie condizioni. Se non ci sarà una totale reciprocità, se non ci sarà sufficiente trasparenza, se ci sarà un pericolo per gli agricoltori, se gli europei non avranno libero accesso alle gare pubbliche mentre gli Stati Uniti potranno avere accesso a tutto in Europa, allora non lo accetterò».

Una settimana dopo era stato il premier Manuel Valls a esprimere «inquietudine per l’andamento del negoziato» e ribadire che la Francia era pronta a dire «no» all’accordo.

Lunedì scorso è sceso in campo il ministro al Commercio estero Matthias Fekl, figura emergente del partito socialista e responsabile del dossier: «L’Europa propone molto e riceve molto poco in cambio. Questo non è accettabile. Alla luce dell’atteggiamento attuale degli Stati Uniti, mi sembra che lo stop alle trattative sia l’opzione più probabile». E ieri Hollande ha chiuso in bellezza: «Allo stato attuale del confronto, la Francia dice di no all’intesa. Perché non siamo per un sistema di libero scambio senza regole. Non accetteremo mai che vengano messi in discussione i principi essenziali della nostra agricoltura, della nostra cultura.

E ieri Hollande ha chiuso in bellezza: «Allo stato attuale del confronto, la Francia dice di no all’intesa. Perché non siamo per un sistema di libero scambio senza regole. Non accetteremo mai che vengano messi in discussione i principi essenziali della nostra agricoltura, della nostra cultura. E che non ci sia una totale reciprocità nell’accesso agli appalti pubblici».
Hollande ha scelto con cura la tribuna dalla quale pronunciare quello che assomiglia molto a un “de profundis” per il Trattato: un convegno sulla “sinistra al potere” in occasione degli 80 anni del Fronte popolare. L’opportunità per lanciare, di fatto, la campagna delle presidenziali di maggio 2017.

Al di là degli aspetti di contenuto (sull’apertura delle gare, appunto, sull’inclusione dei servizi finanziari che gli americani non vogliono, sulla tutela delle produzioni alimentari e sulla loro origine, sulla sopravvivenza di alcune barriere doganali, sulla creazione di una Corte sovranazionale per i contenziosi), il negoziato ha ormai assunto una dimensione politica che sembra renderne impossibile una conclusione entro la fine dell’anno (e quindi del mandato del presidente americano, come vorrebbe Barack Obama).

Il 2017 sarà un anno elettorale delicato in Francia e in Germania. E l’impressione è che in nessuno dei due Paesi (le trattative sono condotte dalla Commissione Ue, ma è evidente che senza il via libera di Parigi e Berlino non si andrà da nessuna parte) le classi dirigenti vogliano presentarsi all’appuntamento con un accordo sul quale, a torto o a ragione, aumenta l’ostilità delle opinioni pubbliche. Le quali guardano con sospetto a un negoziato avvolto in un certo alone di mistero sul quale si è fatta poca pedagogia e vedono in un salto di qualità e di dimensione del libero scambio più rischi che opportunità.

Questo è certamente vero in Francia (proprio Fekl avrebbe convinto Hollande che il “no” al Trattato può essere un buon cavallo di battaglia, in nome della protezione degli interessi del Paese, cioè del mai sopito protezionismo). Ma anche in Germania, per quanto ufficialmente Angela Merkel sia favorevole, il leader socialdemocratico Sigmar Gabriel (numero due del Governo e ministro dell’Economia) ha detto che «se gli Stati Uniti non vogliono aprire davvero il loro mercato, noi non abbiamo alcun bisogno di questo accordo commerciale». E persino negli Usa, dove Donald Trump ha già dichiarato tutta la sua ostilità e persino Hillary Clinton non sembra così convinta.

di Marco Moussanet - Il Sole 24 Ore - leggi su http://24o.it/JwLFwY

FONTE: http://www.ilsole24ore.com/art/commenti-e-idee/2016-05-04/francois-hollande-chiude-ttip-063653.shtml?uuid=ADuckD
---------------------------------
Ti può interessare anche:

BREAKING! TTIP leaks: Greenpeace Olanda rivela i testi segreti del TTIP

News - 2 maggio, 2016
Avevamo ragione: confermati rischi per clima, ambiente e sicurezza dei consumatori
I cittadini hanno diritto di sapere: Greenpeace Olanda pubblica oggi su www.ttip-leaks.org parte dei testi negoziali del TTIP per garantire la necessaria trasparenza e promuovere un dibattito informato su un trattato che interessa quasi un miliardo di persone, nell’Unione Europea e negli USA. È la prima volta che i cittadini europei possono confrontare le posizioni negoziali dell’UE e degli USA.
Questi documenti svelano che noi e la società civile avevamo ragione a essere preoccupati: con questi negoziati segreti rischiamo di perdere i progressi acquisiti con grandi sacrifici nella tutela ambientale e nella salute pubblica!...................leggi il resto QUI
Bruxelles - Dopo gli scandali sugli innumerevoli casi di elusione e frode fiscale emersi con le rivelazioni di Luxleaks e dei Panama papers, questa volta è il negoziato in corso fra Ue e Usa per il Ttip (Partenariato transatlantico sulla liberalizzazione del commercio e la protezione degli investimenti) che è oggetto di una fuga di notizie e documenti segreti, che saranno pubblicati oggi alla 11 su un sito web della sezione olandese di Greenpeace, con l’hashtag #TTIPleaks..................leggi il resto QUI