VALORIZZARE DIFENDERE SALVAGUARDARE LA VAL DI SIEVE

L' Associazione Valdisieve persegue le finalità di tutelare l'ambiente, il paesaggio, la salute, i beni culturali, il corretto assetto urbanistico, la qualità della vita e la preservazione dei luoghi da ogni forma d'inquinamento, nell'ambito territoriale dei comuni della Valdisieve e limitrofi.

Molino del Piano: INCONTRO CON ROBERTO CAVALLO

Molino del Piano: INCONTRO CON ROBERTO CAVALLO
20 OTTOBRE a Molino del Piano: ore 19.00 Apericena a Km zero, a seguire parliamo di Economia Circalare e Rifiuti Zero con ROBERTO CAVALLO

da rifiuto a risorsa


EVENTI

http://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/E_MD_CLR.GIFhttp://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/V_MD_CLR.GIFhttp://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/E_MD_CLR.GIFhttp://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/N_MD_CLR.GIFhttp://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/t_md_clr-3.gifhttp://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/i_md_clr-4.gif
TUTTI GLI EVENTI DELLE MAMME NO INCENERITORE E NON SOLO: QUI
vedi anche il loro profilo FB

20 Ottobre dalle ore 19.00:
APERICENA A KM ZERO
circolo ARCI la Torretta Molino del Piano, con ROBERTO CAVALLO

A SEGUIRE (ORE 21.00):
ECONOMIA CIRCOLARE E RIFIUTI ZERO, sempre con ROBERTO CAVALLO

************************

· NUOVA Petizione “Stop alla costruzione di nuovi inceneritori, Sì alla raccolta differenziata!”

CALENDARIO

giovedì 3 marzo 2016

Via al nuovo codice degli appalti. Delrio: "Ora tempi e costi giusti"

Via al nuovo codice degli appalti. Delrio: "Ora tempi e costi giusti"
Il ministro Graziano Delrio (ansa)

Il ministro delle Infrastrutture rivendica l'opera di semplificazione e la trasparenza: "Basta alle gare al massimo ribasso, la scelta coniuga prezzo e qualità". Cantone: "E' una piccola rivoluzione copernicana"

MILANO
 - Mentre il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, rilancia il tema del completamento delle grandi opere infrastrutturali lasciate in sospeso, il Consiglio dei Ministri ha approvato "il codice attuativo della riforma degli appalti", dopo l'approvazione della delega da parte del Parlamento. Lo ha annunciato il ministro delle Infrastrutture e dei trasporti, Graziano Delrio, al termine della riunione dell'esecuitov. Delrio l'ha presentato come "una corposa riforma che mira a rendere il sistema dei lavori pubblici e delle concessioni finalmente all'altezza di un grande Paese europeo. Semplificazione, trasparenza, lotta alla corruzione, e qualità sono gli elementi chiave" della riforma. Sul primo punto, quello dello snellimento delle norme, il ministro sciorina i numeri: si passa dal vecchio codice "da 660 articoli e 1500 commi a 217 articoli con una scelta di grandissima semplificazione e recepimento delle direttive europee".

Tra i punti qualificanti sottolineati da Delrio c'è lo "stop alle gare al massimo ribasso, la scelta coniuga prezzo e qualità". Per la "prima volta" viene "normato per legge tutto il tema delle concessioni" e il "rischio operativo è in carico al privato". Lo Stato, ha spiegato Delrio, "non è obbligato a riequilibrare gl investimenti", e questa "è una grande rivoluzione". Quanto al ruolo dell'Anac, Delrio ha sottolineato: "Faremo in modo che ai nuovi compiti corrispondano risorse adeguate, che siano dal bilancio interno o altre risorse si vedrà. Andremo senz'altro incontro a questa sollecitazione di risorse adeguate", rispondendo alle preoccupazioni di Raffaele Cantone sull'adeguatezza degli strumenti a disposizione dell'Anticorruzione.

Proprio Cantone ha commentato positivamente che il nuovo codice "rappresenta una piccola rivoluzione copernicana nel sistema degli appalti nel nostro paese. Da sola - ha spiegato - una legge non è in grado di risolvere i problemi e anche questa legge non avrà un effetto salvifico, ma alcune novità le porta, anche nel provare a evitare uno dei rischi principale degli appalti, il rischio di corruzione".

Ecco i punti salienti della riforma, secondo le aspettative della vigilia.

CABINA DI REGIA: è l'Organo nazionale di riferimento per la cooperazione con la Commissione europea per quanto riguarda l'applicazione della normativa in materia di appalti pubblici e di concessioni.
OFFERTA ECONOMICAMENTE PIU' VANTAGGIOSA: il nuovo abbandona il criterio del massimo ribasso, che resterà solo per le gare di importo più basso, in favore dell'offerta economica più vantaggiosa che permette di valutare anche la qualità dell'offerta e le garanzie offerte in termini sociali e ambientali.
PROGETTAZIONE: assume un ruolo fondamentale e si articola in tre livelli: progetto di fattibilità, progetto definitivo e progetto esecutivo. Questo dovrebbe limitare il numero di varianti di progetti

e l'aumento di costi e tempi
RUOLO ANAC: All'Autorità è affidato un ruolo centrale nella riforma con funzioni di controllo, monitoraggio ed anche capacità sanzionatorie nonché di adozione di atti di indirizzo quali linee guida, bandi e contratti tipo.


FONTE: http://www.repubblica.it/economia/2016/03/03/news/codice_appalti_riforma_delrio-134689566/