VALORIZZARE DIFENDERE SALVAGUARDARE LA VAL DI SIEVE

L' Associazione Valdisieve persegue le finalità di tutelare l'ambiente, il paesaggio, la salute, i beni culturali, il corretto assetto urbanistico, la qualità della vita e la preservazione dei luoghi da ogni forma d'inquinamento, nell'ambito territoriale dei comuni della Valdisieve e limitrofi.

Molino del Piano: INCONTRO CON ROBERTO CAVALLO

Molino del Piano: INCONTRO CON ROBERTO CAVALLO
20 OTTOBRE a Molino del Piano: ore 19.00 Apericena a Km zero, a seguire parliamo di Economia Circalare e Rifiuti Zero con ROBERTO CAVALLO

da rifiuto a risorsa


EVENTI

http://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/E_MD_CLR.GIFhttp://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/V_MD_CLR.GIFhttp://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/E_MD_CLR.GIFhttp://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/N_MD_CLR.GIFhttp://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/t_md_clr-3.gifhttp://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/i_md_clr-4.gif
TUTTI GLI EVENTI DELLE MAMME NO INCENERITORE E NON SOLO: QUI
vedi anche il loro profilo FB

20 Ottobre dalle ore 19.00:
APERICENA A KM ZERO
circolo ARCI la Torretta Molino del Piano, con ROBERTO CAVALLO

A SEGUIRE (ORE 21.00):
ECONOMIA CIRCOLARE E RIFIUTI ZERO, sempre con ROBERTO CAVALLO

************************

· NUOVA Petizione “Stop alla costruzione di nuovi inceneritori, Sì alla raccolta differenziata!”

CALENDARIO

mercoledì 30 marzo 2016

DA FANGO A ENERGIA PULITA E FERTILIZZANTI RINNOVABILI, GRAZIE A BIO2ENERGY

Viareggio all’avanguardia con un impianto sperimentale innovativo a livello nazionale e internazionale 
lampadinaDa fango a energia pulita e fertilizzanti rinnovabili, grazie a Bio2Energy: progetto di ricerca sperimentale finanziato dai bandi regionali sull’innovazione Una soluzione realizzata da Sea Risorse con altri enti, tra cui CNR di Pisa e Università di Firenze per risparmiare sui costi dei rifiuti e produrre energia pulita
VIAREGGIO, 5 febbraio 2016 – Un codigestore a Viareggio per poter risparmiare sui costi di trasporto dei rifiuti verso impianti di compostaggio fuori provincia e produrre energia pulita. È questo il progetto “Bio2Energy”: un progetto altamente innovativo che ha vinto in agosto un bando regionale di settore e che porta Viareggio all’avanguardia, con un impianto sperimentale innovativo a livello nazionale e internazionale. Lo ha ideato Sea Risorse S.p.A. e proposto alla Regione Toscana, in collaborazione con partner pubblici e privati tra cui Publiambiente, CNR di Pisa e Università di Firenze.
Nel novembre scorso, la Regione Toscana ha rilasciato l’autorizzazione alla sperimentazione (ai sensi dell’articolo 211 del Decreto legislativo 152/06), per la codigestione anaerobica di fanghi di depurazione e forsu (frazione organica del rifiuto solido urbano) da raccolta differenziata al fine di produrre energia da fonti rinnovabili e produrre un digestato impiegabile quale fertilizzante rinnovabile.
Al fine di effettuare la sperimentazione si rende necessario realizzare, nell’area del codigestore, un edificio all’interno del quale effettuare la preselezione della frazione organica. Gli indici di edificabilità nell’area, al momento, non lo consentono, e lunedì 8 febbraio il Consiglio Comunale potrà affrontare il passaggio necessario per permetterlo, dando così avvio della sperimentazione.
Questa operazione non prevede alcun costo per il Comune di Viareggio, e quindi per le tasche dei cittadini, e porta soltanto vantaggi per la Versilia e per l’ambiente. Infatti, non prevede nessun “consumo” ulteriore di territorio, poiché la struttura, peraltro di grandezza limitata, sorgerà nell’area del codigestore, evita i costi del trasporto dei rifiuti (organici e fanghi) verso gli impianti ad oggi autorizzati per il loro trattamento che si trovano fuori provincia, trasforma la sostanza organica contenuta nei fanghi e nella forsu in energia pulita attraverso un processo naturale di tipo anaerobico (che dalla “digestione” della materia organica trae biogas), e soprattutto mira ad arricchire il “digestato” di sostanze nutrienti ed efficacemente utilizzabili nei terreni, tanto da renderlo un fertilizzante rinnovabile la cui utilizzazione ridurre il consumo di concimi chimici. Un processo talmente naturale, tanto che si parla addirittura dell’arrivo a breve, sul mercato, di piccoli codigestori domestici.
I fondi vinti con il bando sono messi a disposizione dalla Comunità Europea, ed attribuiti dall’ente regionale in base ad un bando del 2014, il bando FAR-FAS “per il finanziamento di progetti di ricerca fondamentale, ricerca industriale e sviluppo sperimentale realizzati congiuntamente da imprese e organismi di ricerca in materia di nuove tecnologie del settore energetico, fotonica, ict, robotica e altre tecnologie, abilitanti connesse”.
Il progetto “Bio2Energy” è fortemente innovativo e rappresenta il primo progetto a livello internazionale che esporta a scala preindustriale il trattamento di rifiuti organici e la conseguente produzioni di biocombustibili (in particolare il bioidrogeno) sfruttando l’impiantistica già esistente degli impianto di depurazione. Questo progetto consente di gettare le basi per l’implementazione dell’impianto a regime di codigestione di fanghi e forsu (15.000 tonnellate annue), ad oggi in fase di Valutazione di impatto Ambientale (VIA).