VALORIZZARE DIFENDERE SALVAGUARDARE LA VAL DI SIEVE

L' Associazione Valdisieve persegue le finalità di tutelare l'ambiente, il paesaggio, la salute, i beni culturali, il corretto assetto urbanistico, la qualità della vita e la preservazione dei luoghi da ogni forma d'inquinamento, nell'ambito territoriale dei comuni della Valdisieve e limitrofi.

giovedì 13 agosto 2015

Lo SCHEMA di Decreto collegato allo "Sblocca Italia" prevede 12 nuovi inceneritori in Italia.

Lo SCHEMA di Decreto collegato allo "Sblocca Italia" prevede 12 nuovi inceneritori in Italia. 

Vediamo nel dettaglio cosa si prevede per la per la Regione Toscana

tab. 1- In questa tabella sono identificati i 5 inceneritori esistenti e in esercizio attualmente
per una capacità complessiva di trattamento di 265.800 t/anno di RSU

tab. 2 - Sotto  gli inceneritori AUTORIZZATI ma non in funzione, tra cui quello di 
SELVAPIANA a Rufina (per 68.640 t/a).

tab. 3 - Altra tabella in cui si cita il NUOVO inceneritore di Selvapiana 
per calcolare le capacità di trattamento 

tab. 4 -  Fabbisogno totale di incenerimento per la Toscana 661.419 t/a
tab. 5 -  Altra pagina in cui l'inceneritore di  Selvapiana è considerato autorizzato,
 ma non in esercizio.
Ma soprattutto che la sua capacità di 68.640 t/a che è considerata nel computo totale della potenzialità attuale della regione sommando le capacità dei 5 impianti in esercizio (265.800 t/a) e quella di Selvapiana (68.640 t/a - non in esercizio) Per un totale appunto di 334.440 t/a.


Ecco che dopo questi calcoli si arriva a dire che in Toscana c'è bisogno di altri 2 inceneritori di 
150.000 t/a ciascuno (334.440 +300.000= 634.440 t/a ) per arrivare a coprire il fabbisogno totale riportato in tab. 4. 
Quindi  nel nuovo schema di Decreto, l’impianto di RUFINA/Selvapiana è considerato AUTORIZZATO e NON IN ESERCIZIO, MA E’ CONTEGGIATO per le sue 68.400 ton./anno, come se fosse pronto a partire...
Intanto la Conferenza dei Servizi il 6 agosto scorso a Firenze ha già approvato l’impianto di Case Passerini per circa 190.000 t/a, nonostante le manifestazioni e le proteste degli abitanti della Piana, del coordinamento di comitati e associazioni compreso il Comitato Mamme NO Inceneritore.

PER QUESTO RICORDIAMOCI DELLA MOBILITAZIONE GENERALE A ROMA E ALTRE INIZIATIVE CHE SI TERRANNO IL 7-8-9 SETTEMBRE PROSSIMO.
--------------------------

LEGGI TUTTO: http://assovaldisieve.blogspot.it/2015/08/appello-del-movimento-legge-rifiuti.html
Per questo crediamo che sia opportuno lanciare una MOBILITAZIONE GENERALE, che inizi ad attivare tutte le iniziative di contrasto e di protesta ad iniziare da un
PRESIDIO A ROMA 9 SETTEMBRE
in concomitanza con la riunione della CONFERENZA STATO-REGIONI che dovrebbe approvare questo Decreto del Consiglio dei Ministri, prevista alla presidenza del Consiglio in via della Stamperia 9 (Fontana di Trevi) ore 11http://www.zerowastelazio.it/1/documentazione_271141.html
UN DECRETO VERGOGNOSO CHE VA NEL VERSO OPPOSTO DELLA "ECONOMIA CIRCOLARE" IN CUI LA COMMISSIONE EUROPEA DOVREBBE A FINE 2015 APPROVARE LA NUOVA DIRETTIVA, oltre a contrastare di fatto l'avvio di una vera FILIERA DEL RICICLAGGIO come vera fase di RECUPERO DI MATERIA.
SEGRETERIA NAZIONALE
Movimento Legge Rifiuti Zero
Contatti ed adesioni al PRESIDIO:
leggerifiutizero@gmail.com