VALORIZZARE DIFENDERE SALVAGUARDARE LA VAL DI SIEVE

L' Associazione Valdisieve persegue le finalità di tutelare l'ambiente, il paesaggio, la salute, i beni culturali, il corretto assetto urbanistico, la qualità della vita e la preservazione dei luoghi da ogni forma d'inquinamento, nell'ambito territoriale dei comuni della Valdisieve e limitrofi.

mercoledì 5 agosto 2015

Economia circolare: consultazione pubblica della UE



Vignetta di Sandro Bessi

Per economia circolare si dovrebbe intendere un’economia virtuosa, senza sprechi, senza squilibri, senza sfruttamento eccessivo, con una corretta e coerente redistribuzione di ricchezze, risorse e opportunità. E’ veramente questo che la Commissione europea cerca? Di sicuro c’è che è stata avviata una consultazione pubblica in merito.

La Commissione Europea ha avviato una consultazione pubblica per raccogliere pareri sulla strategia da adottare per impostare in modo nuovo e ambizioso la transizione verso l'economia circolare. I contributi dei portatori d'interesse serviranno per preparare il nuovo piano d'azione, che dovrà essere presentato entro la fine del 2015. C’è tempo fino al 20 agosto 2015 per presentare idee e proposte.
Di primo acchito verrebbe da chiedersi: cosa c’è sotto? Legittimo. L’Unione Europea fino ad ora non ha dato prova di privilegiare economie circolari dalle caratteristiche virtuose, anzi.
Si legge che alcuni esponenti della Commissione hanno dichiarato: «Lo sviluppo economico dell'Europa deve avvenire all'insegna della sostenibilità. Non vi sono alternative: dobbiamo utilizzare le risorse in maniera più intelligente, progettare i prodotti in modo da poterli riutilizzare e riciclare e fissare obiettivi ambiziosi per ridurre e riciclare i rifiuti». Incredibile, ma vero. C’è arrivata anche l’Unione Europea. O da qualche parte sta nascosto un tranello?
«Oggi chiediamo ai cittadini di tutta Europa di darci spunti su come formulare politiche che stimolino lo sviluppo di un'economia verde competitiva in Europa e tutelino l'ambiente per le generazioni future» aggiungono i commissari. E qui ci starebbe il primo appunto: chissà cosa intendono per “competitiva”? «La transizione verso un'economia circolare più sostenibile può creare opportunità per tutti e offrire all'Europa un nuovo vantaggio competitivo. Vogliamo presentare un piano d'azione globale che incentivi sia i consumatori sia le imprese ad utilizzare le risorse in modo più efficiente. Per questo abbiamo bisogno del contributo di quanti operano nei diversi punti della catena del valore». Altra frase che si potrebbe equivocare. Arrivati a questo punto, occorre ridurre drasticamente i consumi di risorse se si vuole sperare di garantire una vita al pianeta e a chi lo abita; qui non si tratta più di “utilizzare le risorse in modo più efficiente” ma di cercare di smettere di utilizzare tutto ciò che non è rinnovabile e utilizzare ciò che lo è con parsimonia e non certo all’attuale livello.
«Le strategie che porteranno l'Europa a sviluppare un'economia circolare competitiva non dovranno limitarsi solo ai rifiuti, ma contemplare l'intero ciclo di vita dei prodotti, tenendo conto della situazione di ciascuno Stato membro­ - continuano i commissari UE - oltre ad azioni sul fronte dei rifiuti dovranno quindi prevedere interventi in materia di progettazione intelligente dei prodotti, riutilizzo e riparazione dei prodotti, consumo sostenibile, livelli di riciclaggio, uso intelligente delle materie prime, rafforzamento dei mercati delle materie prime secondarie e misure settoriali specifiche». Quando si parla di rifiuti e di materie prime secondarie, non può non venire alla mente che oggi la UE vuole spingere i rifiuti come “risorsa” da bruciare negli inceneritori chiamandoli “materie prime secondarie”. Sarà questo che intendono i commissari? Speriamo di no; bisogna andare verso i “rifiuti zero”!!! Speriamo che lo abbiano chiaro.
«La transizione verso un'economia più circolare è in grado di promuovere la competitività e l'innovazione- aggiungono - stimolando il nascere di nuovi modelli imprenditoriali e l'adozione di nuove tecnologie, nonché favorendo la modernizzazione delle politiche sociali, con conseguenti effetti positivi nel lungo termine per l'economia europea nel suo insieme, che diverrà più sostenibile e più competitiva. Vogliamo creare condizioni propizie all'aumento dei posti di lavoro, senza usare né sprecare quantità di risorse come facciamo oggi, in modo da ridurre la pressione sulle materie prime e sull'ambiente: l'Europa sarà così più forte e più equa. I cittadini, le autorità pubbliche, le imprese e tutti gli altri soggetti governativi e non governativi interessati sono invitati a rispondere alle domande riguardanti i vari segmenti del ciclo economico e il loro ruolo nella transizione verso un'economia circolare. Un'altra consultazione pubblica sulle distorsioni del mercato dei rifiuti è già in corso ed è aperta a tutti i portatori d'interesse».
Ebbene, la sfida è aperta. Ed è bene che tutti coloro che hanno buone idee, veramente sostenibili, le espongano e ne sottolineino la fattibilità e l’urgenza. Vediamo a chi darà veramente ascolto la UE, alla fine.
Fateci sapere se inviate idee e proposte e, se vorrete, daremo loro risalto, aspettando al varco la UE per verificare da che parte vuole veramente andare.