VALORIZZARE DIFENDERE SALVAGUARDARE LA VAL DI SIEVE

L' Associazione Valdisieve persegue le finalità di tutelare l'ambiente, il paesaggio, la salute, i beni culturali, il corretto assetto urbanistico, la qualità della vita e la preservazione dei luoghi da ogni forma d'inquinamento, nell'ambito territoriale dei comuni della Valdisieve e limitrofi.

venerdì 24 aprile 2015

INCENERITORE DI SELVAPIANA - COMUNICATO STAMPA – 24 Aprile 2015


Finalmente una  BUONA NOTIZIA che arriva direttamente da Toscana Notizie della regione Toscana in cui si legge che ieri (23 Aprile 2015) tutti i soggetti coinvolti nel progetto dell’inceneritore di Selvapiana  (ATO, Regione, AER e i 9 Comuni da essa gestiti) hanno firmato il Protocollo d’Intesa:
SULLA OPPORTUNITA’ di RICONSIDERARE LA REALIZZAZIONE DELL’IMPIANTO di  INCENERIMENTO “I CIPRESSI” DI SELVAPIANA”. 

E’ una svolta importante che dopo 10 anni in modo formale sia iniziato l’iter per cancellare il nuovo inceneritore a causa soprattutto  della diminuzione della produzione dei rifiuti, alle aumentate quantità delle Raccolte Differenziate e, non ultima, alla “sostenibilità economica” che,  come abbiamo denunciato  da anni,  fa emergere  che i costi per la costruzione, il conferimento e la gestione  dell’impianto  sarebbero stati di gran lunga superiori  a quanto ora ATO si impegna a ridistribuire in TARIFFA  -  su tutti i 68 comuni  - a copertura dei costi sostenuti  finora da AER Impianti Srl (circa  3 milioni di euro).

Auspichiamo  che ciò si traduca nell'intraprendere un percorso VIRTUOSO verso le buone pratiche e una filiera del riciclo attraverso anche la riconversione dell’area dei  Cipressi in un'ottica di green economy, nel superamento  definitivo della visione “inceneritorista” anche per gli impianti di Montale, Case Passerini e Baciacavallo a favore del Recupero e del Riciclo della materia come indicato dall’Unione Europea.

La Rete Valdisieve e Italia Nostra Firenze ricordano  e ringraziano tutti i cittadini che in questi anni hanno perseguito con costanza l’obiettivo di contrastare un progetto inutile e dannoso, a volte anche in contesti  molto difficili.


La Rete Ambientale Valdisieve


Comitato Valdisieve       Associazione Valdisieve     Associazione “Vivere in Valdisieve” comitatovaldisieve@libero.it          assovaldisieve@gmail.com                 vivereinvaldisieve@libero.it

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^
PUBBLICHIAMO ANCHE IL COMUNICATO DEL COORDINAMENTO DELLA PIANA CHE RINGRAZIAMO  


COMUNICATO STAMPA
Coordinamento dei Comitati della Piana

Con viva e vibrante soddisfazione apprendiamo che la Regione Toscana, i Sindaci del Valdarno e della Val di Sieve, Ato Toscana Centro ed altri, hanno deciso di non realizzare l’inceneritore/termovalorizzatore di Selvapiana, riconoscendo per bocca dell’Assessore all’ambiente Bramerini, che non sussistono più le condizioni che ne giustifichino la realizzazione.

Dopo il virtuale abbandono dell’inceneritore di Greve in Chianti, questa decisione costituisce una grande vittoria dei Comitati e delle Associazioni che ormai da oltre quindici anni si sono battute contro queste sciagurate scelte impiantistiche e l’affermazione della validità delle politiche virtuose nella gestione dei rifiuti, fino ad oggi ottusamente contrastata dall’ Amministrazione locale e regionale.

E’ di particolare soddisfazione il fatto che alla cancellazione dell’impianto segua una alternativa impiantistica di gestione della parte residua del rifiuto "in un’ottica di green economy e riciclo".

Appare peraltro inaccettabile che le ingenti spese di progettazione sostenute pari a 3.000.000,00 di euro, si vogliano far ricadere sui cittadini dei 68 comuni dell’Ato, senza che le Amministrazioni decidenti abbiano minimamente assunto la responsabilità di questi costi che sono l'evidente conseguenza di scelte amministrative profondamente sbagliate.

Ci aspettiamo che di seguito a questa decisione venga quella definitiva con l’abbandono dell’inceneritore di Montale e la cancellazione dell’inceneritore di Case Passerini privi di qualunque giustificazione gestionale e respinti da tempo nella coscienza delle comunità locali, le vere protagoniste del cambiamento.

Il coordinamento dei Comitati della Piana