VALORIZZARE DIFENDERE SALVAGUARDARE LA VAL DI SIEVE

L' Associazione Valdisieve persegue le finalità di tutelare l'ambiente, il paesaggio, la salute, i beni culturali, il corretto assetto urbanistico, la qualità della vita e la preservazione dei luoghi da ogni forma d'inquinamento, nell'ambito territoriale dei comuni della Valdisieve e limitrofi.

giovedì 31 ottobre 2013

Sottoattraversamento TAV: rilevati preoccupanti impatti sulla falda

estratti dal documento Arpat
COMUNICATO STAMPA

Firenze, 31 ottobre 2013

Sottoattraversamento TAV: rilevati preoccupanti impatti sulla falda

SIAMO STANCHI DI AVERE RAGIONE.
Questo è il commento del Comitato che da anni si oppone alla realizzazione del Sottoattraversamento AV di Firenze, dopo aver visto la valutazione di ARPAT sul monitoraggio della falda nei pressi dei cantieri TAV.
Fin dal primo studio fatto nel 2006/7 dai tecnici del Comitato, in particolare dalla professoressa Teresa Crespellani, era emersa la pericolosità dei lavori e i rischi di impatto pesante sulla falda; soprattutto fu denunciata da subito l'inadeguatezza degli interventi tecnici progettati per mitigare il fenomeno. Fu denunciato che la serie di sifoni previsti, l'integrazione di pozzi drenanti collegati da pompe, non avrebbero potuto mitigare il pesantissimo impatto causato dalle paratie ai Macelli (profondi più di 40 metri) e a Campo di Marte (oltre i 30 metri).
Adesso giunge una nota dell'ARPAT che valuta l'andamento della falda dal gennaio 2012 al marzo 2013 dove è chiarissimo il progressivo impatto sulla falda col procedere dei lavori, fino ad un dislivello di 1,5 metri.
In particolare al Campo di Marte si vede come l'acqua si sia innalzata progressivamente con l'avanzamento della realizzazione delle paratie e della galleria artificiale (pagina 4 della nota ARPAT). A nulla pare siano valsi neanche i pozzi drenanti realizzati su prescrizione dell'Osservatorio Ambientale e su pressioni del Comitato
Nella zona della stazione ai Macelli risulta ancora più evidente come la variazione di livello tra la serie di pozzi a monte e a valle delle paratie/dighe sotterranee sia massima in corrispondenza del manufatto e minima al di fuori.
Val la pena di ricordare che gli effetti di queste variazioni della falda possono essere molto pesanti: a valle, dove si abbassa il livello dell'acqua, si possono avere cedimenti del terreno su cui poggiano interi isolati; a monte, dove si ha un innalzamento, si possono avere allagamenti di scantinati, ma soprattutto si riduce la capacità portante delle fondazioni degli edifici esistenti.
Restano da valutare i dati sull'inquinamento rilevato della falda; è probabile che i lavori abbiano messo in contatto la falda profonda (poco inquinata) con quella superficiale che risulta invece molto inquinata. La nota dell'ARPAT non aiuta a capire.
Di fronte a questi dati evidenti il comitato si chiede come sia possibile difendere ancora questo progetto assolutamente inutile e dai rischi enormi. Questi dati (pur forniti ad ARPAT dalle Ferrovie dello Stato) smentiscono ancora una volta tutti i proclami di politici e costruttori tesi a tranquillizzare l'opinione pubblica.
Sommando questo alla situazione economica in cui si trovano le principali imprese interessate, al quadro vergognoso che emerge dalle indagini della Procura (corruzione, associazione a delinquere, infiltrazioni camorristiche, materiali di costruzione scadenti, traffico di rifiuti...), il Comitato rileva lo stato disastroso in cui versa tutta la politica toscana: dalla Regione, che continua a sostenere l'impossibile ripresa dei lavori, al Comune, dove il sindaco Matteo Renzi tace da troppo tempo su questo disastro che tocca da vicino la sua città e le sue responsabilità.
Il Comitato ribadisce le sue richieste che sono semplicemente ragionevoli, dettate dal buon senso:

  • abbandono del progetto di sottoattraversamento
  • dirottamento delle risorse allo sviluppo del trasporto regionale e dell'intero nodo fiorentino
Una politica che non riesce in questo elementare obiettivo è totalmente inutile per la cittadinanza.

Comitato NO TUNNEL TAV Firenze
348 3421143 - 338 3092948


Documento Arpat:  https://docs.google.com/file/d/0BwPdOiic_X3vYktRTnBDODJlU2s/edit?usp=sharing

VAI AL BLOG DEL COMMITATO: http://notavfirenze.blogspot.it/