VALORIZZARE DIFENDERE SALVAGUARDARE LA VAL DI SIEVE

L' Associazione Valdisieve persegue le finalità di tutelare l'ambiente, il paesaggio, la salute, i beni culturali, il corretto assetto urbanistico, la qualità della vita e la preservazione dei luoghi da ogni forma d'inquinamento, nell'ambito territoriale dei comuni della Valdisieve e limitrofi.

Molino del Piano: INCONTRO CON ROBERTO CAVALLO

Molino del Piano: INCONTRO CON ROBERTO CAVALLO
20 OTTOBRE a Molino del Piano: ore 19.00 Apericena a Km zero, a seguire parliamo di Economia Circalare e Rifiuti Zero con ROBERTO CAVALLO

da rifiuto a risorsa


EVENTI

http://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/E_MD_CLR.GIFhttp://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/V_MD_CLR.GIFhttp://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/E_MD_CLR.GIFhttp://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/N_MD_CLR.GIFhttp://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/t_md_clr-3.gifhttp://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/i_md_clr-4.gif
TUTTI GLI EVENTI DELLE MAMME NO INCENERITORE E NON SOLO: QUI
vedi anche il loro profilo FB

20 Ottobre dalle ore 19.00:
APERICENA A KM ZERO
circolo ARCI la Torretta Molino del Piano, con ROBERTO CAVALLO

A SEGUIRE (ORE 21.00):
ECONOMIA CIRCOLARE E RIFIUTI ZERO, sempre con ROBERTO CAVALLO

************************

· NUOVA Petizione “Stop alla costruzione di nuovi inceneritori, Sì alla raccolta differenziata!”

CALENDARIO

mercoledì 21 agosto 2013

DEDICATO A CHI è CONVINTO CHE LA DIFFERENZIATA SI INTEGRA CON L'INCENERIMENTO!

Pubblichiamo l'articolo sotto e lo dedichiamo a tutti i nostri amministratori (e CONSIGLIERI vari) che imperterriti, nel tentativo di difendere la scelta di costruire IL nuovo inceneritore a Selvapiana, dichiarano che non c'è incompatibilità tra le due operazioni: l'una imperniata nell' aumentare la percentuale di RD, l'altra nel trovare la quantità necessaria di indifferenziato da bruciare annualmente per far funzionare a pieno regime l'impianto (per bruciare ben 60.000 t/anno di Rifiuti Urbani, così li chiamano loro, anche se il codice CER 19.12.12 si riferisce a rifiuti derivanti dagli scarti di lavorazione e quindi in tutto e per tutto SPECIALI),  . 

Facendo le dovute puntualizzazioni sul fatto che nell'articolo si cita un dato di % di RD che è del 2011 (nel 2011 la città di Verona risulta prima in classifica tra le città italiane), e che infatti nel 2012 anche la mitica Verona pare abbia avuto un calo di 3/4 punti sulla % di RD (i dati ISTAT ancora non riportano i dati al 2012), nonostante ciò, si potrebbe verificare che l'inceneritore di Cà del BUE potrebbe NON essere più fatto (vuoi per la diminuzione dei rifiuti per la crisi, vuoi per la buona riuscita della RD che dovrà in futuro aumentare ancora - per legge!- vuoi il nuovo piano di rifiuti Regionale che potrebbe considerare sufficienti gli impianti attuali). 

Il punto è che se volessimo bruciare senza tanti scrupoli, probabilmente i rifiuti si potrebbero trovare a tonnellate, se pur basati su errori di fondo. Infatti queste quantità sarebbero rappresentate esclusivamente da rifiuti speciali (che hanno un loro percorso normativo per i quali esiste un mercato libero e quindi non possono essere né considerati urbani - se non quelli assimilati- né si può pianificarne gli impianti a livello regionale o provinciale/interp. proprio perché sono nel mercato libero), OPPURE da rifiuti Urbani, ma di amministrazioni che non hanno saputo fare bene il loro lavoro e non hanno attivato i servizi porta a porta (o altri) per incrementare la percentuale di RD a norma di legge (65% entro il 31 dicembre 2012 - già scaduto!).


Diteci, siccome si sente dire spesso che il vero problema non sono gli Urbani, ma appunto gli Speciali (basta ascoltare alcune trasmissioni dell'anno scorso in cui interveniva l'Assessore all'ambiente Crescioli, della Prov. di Firenze - ma non solo!), nel nostro caso, l’inceneritore in Valdisieve per cosa è stato “PIANIFICATO”, per gli Urbani o per gli Speciali?

Ecco l'articolo:

È svolta: Agsm mette in dubbio Ca' del Bue

È svolta: Agsm mette
in dubbio Ca' del Bue

RIFIUTI. Per Federambiente, Verona guida la classifica dei centri medio-grandi e ha la percentuale di separazione più alta d'Italia. E così spunta un'ipotesi clamorosa. Differenziata al 51,2 e cassonetti sempre più vuoti. Paternoster: «Senza certezze di conferimento costante, resterà solo un progetto»
Differenziare ci riesce bene. Siamo talmente bravi, noi veronesi, da aver raggiunto la percentuale di separazione dei rifiuti più alta d'Italia, nella categoria dei Comuni medio-grandi (oltre i 200mila abitanti). Ma alla notizia ne segue un'altra ben più grossa, se non clamorosa.  Questo primato, unito alla crisi che abbassa sia la produzione procapite di immondizia sia la redditività dello smaltimento, mette in discussione il termovalorizzatore di Ca' del Bue. Sì, perché i cassonetti dei rifiuti indifferenziati sono sempre più vuoti: soprattutto nella virtuosa Verona, ma anche nelle città limitrofe (Vicenza, Trento e Mantova), con le quali si era tentata una trattativa affinché ci conferissero il loro secco da bruciare nell'impianto di San Michele. Ed è lo stesso Paolo Paternoster, presidente di Agsm, a confermare il fatto in poche, semplici parole: «So di dire qualcosa di forte. Ma Ca' del Bue non è un obbligo. Non lo dobbiamo fare per forza. Se non esiste, così come sembra dalle indagini svolte finora, un flusso costante di rifiuti per farlo funzionare, l'impianto resterà un progetto. Bello, ambizioso, all'avanguardia, ma solo un progetto». È la prima volta, da quando è iniziato il lungo iter per la riaccensione dei forni, che l'Agsm mette in forse il futuro dell'inceneritore. IL PRIMATO. Ma andiamo per ordine. Il primato scaligero nella raccolta differenziata lo svela Federambiente, il sindacato nazionale al quale aderiscono 205 aziende e consorzi per la gestione dei servizi pubblici di igiene e pulizia ambientale, tra cui l'Amia. Con una percentuale di separazione dei rifiuti pari al 51,2, Verona sopravanza le «concorrenti» venete Padova, al 42,7, e Venezia, al 33,5. Ma anche grandi realtà, come Torino (43,1), Firenze (39,2), Milano (34,7), Bologna (32,3). Per non parlare di Genova (29,2), Roma (24,2), Trieste (20,7), Napoli (17,9) e Bari (17,7), mentre popolose città del Sud, come Palermo, Taranto, Catania e Messina, non vengono nemmeno incluse nella graduatoria, avendo conseguito un risultato inferiore al 10 per cento. «Faccio notare che Verona non solo è prima in classifica, ma è anche l'unica con una quota di differenziata sopra il 50 per cento sul totale dei rifiuti prodotti», commenta il presidente dell'Amia Andrea Miglioranzi, che ha illustrato il report insieme a Diego Testi, dirigente dei servizi operativi dell'azienda, e all'assessore all'ambiente Enrico Toffali. Miglioranzi aggiunge: «Ci aiuta la dimensione compatta della città, ma anche la volontà di avvicinarci sempre più all'ambizioso obbiettivo del 65 per cento».  E sottolinea anche un altro dato: quello che misura l'aumento della differenziata nell'arco del quinquennio 2006-2011.  «Siamo entrati in un'azienda con una percentuale di separazione del 30,8 e l'abbiamo portata oltre il 51, crescendo di venti punti». Toffali, già presidente dell'Amia, giudica questa performance «eccezionale, frutto dell'amministrazione Tosi e del management aziendale. Un modello di riferimento per il resto del Paese». CA' DEL BUE. Bene. Ma a fronte dell'ottimo risultato, ancor di più è lecito chiedersi in che modo l'inceneritore possa inserirsi in una logica di riduzione costante dei rifiuti indifferenziati. «Mi rallegro per i successi dell'Amia», interviene Paternoster, «e non c'è dubbio che la differenziata debba continuare a crescere. Per quanto riguarda Ca' del Bue, che ricordo essere un'opera commissionataci dalla Regione, dico ciò che penso. Non possiamo realizzare l'impianto, mettendo a repentaglio soldi pubblici, senza la certezza di un conferimento costante con cui alimentarlo in futuro. Perché noi non andremo sicuramente a cercare i rifiuti in Meridione o, come paventato da qualcuno, in Bosnia. Questo è fuori discussione». E prosegue: «La Regione sta mettendo a punto un nuovo piano dei rifiuti, considerando la possibilità che i termovalorizzatori già attivi siano sufficienti per lo smaltimento. A questo fatto, si aggiunge la risposta negativa che abbiamo ricevuto dalle città vicine circa l'ipotesi di portare i loro rifiuti a Ca' del Bue. Se i “no" saranno confermati, torneremo in Regione, ci siederemo attorno a un tavolo, e valuteremo seriamente il da farsi». Ma le temute penali da pagare in caso di annullamento dell'opera? «I vincitori dell'appalto non sono per niente contenti, ovviamente, ma si rendono conto che la situazione non è favorevole, né qui né altrove. Dovessero comunque farci causa, cosa che speriamo non avvenga, la Regione si troverebbe a dover pagare 4-5 milioni di penale. Ma non è colpa di nessuno. È la crisi».
Lorenza Costantino

Fonte: http://www.freenewspos.com/notizie/archivio/c/963492/oggi/e-svolta-agsm-mette-in-dubbio-ca-39-del-bue