VALORIZZARE DIFENDERE SALVAGUARDARE LA VAL DI SIEVE

L' Associazione Valdisieve persegue le finalità di tutelare l'ambiente, il paesaggio, la salute, i beni culturali, il corretto assetto urbanistico, la qualità della vita e la preservazione dei luoghi da ogni forma d'inquinamento, nell'ambito territoriale dei comuni della Valdisieve e limitrofi.

venerdì 3 maggio 2013

Almeno fino al 2021 la discarica delle Borra non si farà. Pronta una delibera della Regione

di Monica Campani

L'incontro con l'assessore regionale Bramerini ha avuto i risultati sperati: con un atto di indirizzo la Regione esclude, dalle gare indette da Ato Toscana Centro per le nuove discariche, il sito delle Borra fino al 2021. Nell'incontro presenti, oltre ai due Ato anche i sindaci di Cavriglia e San Giovanni. "Abbiamo risolto, non solo da qui al 2021 ma anche per gli anni successivi, i problemi legati alla discarica delle Borra", afferma il sindaco Ivano Ferri.

Ivano Ferri, La discarica delle Borra non si farà

Alla fine, così come avevano richiesto i sindaci del Valdarno e i due presidenti delle Province di Arezzo e Firenze nella riunione del 4 gennaio a Cavriglia, la Regione Toscana interviene sulla discarica delle Borra ed impedisce che venga realizzata almeno fino al 2021. L'accordo è stato raggiunto nell'incontro tenutosi in Regione tra l'assessore Anna Rita Bramerini, le province di Arezzo e Firenze, i due Ato, Toscana Centro e Sud, per questo era presente Nazareno Betti, ed i sindaci del Valdarno, Ivano Ferri per Cavriglia e Maurizio Viligiardi per San Giovanni.

"La Regione Toscana farà un atto di indirizzo con il quale si toglie dalle discariche messe a gare da Ato Toscana Centro, da ora fino al 2021, quella delle Borra - afferma il sindaco di Cavriglia Ivano Ferri -  Era l'unica soluzione, altrimenti dovevano essere i tre consigli provinciali di Firenze, Prato e Pistoia a cambiare il piano interprovinciale dei rifiuti. E questo sarebbe stato oggettivamente difficile. La Regione rimedierà a quell'errore strategico con questa delibera che sarà presa a riferimento dalle due province di Arezzo e Firenze e successivamente si farà un nuovo accordo tra le due province e i due Ato, Toscana Centro e Toscana sud, anche per accogliere i rifiuti della città di Firenze, ma senza aprire una nuova ferita sul territorio".
"Dobbiamo ancora aspettare che tutti i documenti siano stati firmati e che l'accordo che abbiamo trovato in Regione grazie anche all'impegno dell'assessore Bramerini, della Provincia di Arezzo, dei comuni del Valdarno e dell'Ato Toscan sud, sia messo a punto, ma penso proprio che abbiamo risolto, non solo da qui al 2021 ma anche per gli anni successivi, i problemi legati alla discarica delle Borra. Ormai la Regione, così come dice anche la comunità europea e la legge nazionale, ha scelto di incentivare la riduzione delle produzioni di rifiuti che andranno in discarica nei prossimi anni e quindi da oggi al 2021 la quantità dei rifiuti dovrà essere tale da non fare aprire nuove discariche".

"Già da adesso l'Ato Toscana Centro farà la gara per gli impianti senza la discarica delle Borra : questo vuol dire che nei prossimi anni la discarica non sarà aperta, così come chiedevamo, e che nel futuro la Toscana potrà fare a meno di nuove discariche. Dobbiamo comunque  continuare a vigilare: per il momento siamo riusciti a portare a casa un risultato importante".
Fonte: http://valdarnopost.it/news/almeno-fino-al-2021-la-discarica-delle-borra-non-si-fara-pronta-una-delibera-della-regione