VALORIZZARE DIFENDERE SALVAGUARDARE LA VAL DI SIEVE

L' Associazione Valdisieve persegue le finalità di tutelare l'ambiente, il paesaggio, la salute, i beni culturali, il corretto assetto urbanistico, la qualità della vita e la preservazione dei luoghi da ogni forma d'inquinamento, nell'ambito territoriale dei comuni della Valdisieve e limitrofi.

venerdì 22 febbraio 2013

Gentile Ass. Dott. Calonaci.............

ScreenHunter_06 Feb. 22 14.55Riportiamo una lettera di un cittadino,  all'ass. Calonaci di Rufina che nel corso di una assemblea svolta a Pomino sulla differenziazione dei rifiuti, all'inizio del mese di Febbraio 2013, ha espresso parole di simpatia nei confronti del nuovo inceneritore. 

Ecco il testo e l'allegato che trovate QUI:

Gentile Ass. Dott. Calonaci, sperando di fare cosa gradita Le invio in Allegato un abstraction, scientificamente riscontrabile, con la definizione del termine Termovalorizzatore e degli elementi ed aspetti che concorrono al suo utilizzo.
La sua formazione culturale che ha ricevuto come studente presso la prestigiosa Facoltà di Ingegneria, nell' Università dove io lavoro e dove tra l'altro svolgo un compito che è rivolto a sollevare ostacoli all'acquisizione dei diritti per tutti, ritengo  debba fare i conti con la realtà del Territorio, degli abitanti che hanno voglia di lasciare un mondo pulito alle prossime generazioni, per una diversa soluzione delle problematiche in un contesto di nuovo modello di sviluppo.
Poi se vogliamo toglierci il problema con la soluzione inconsapevolmente più rapida, ci facciamo del male Le assicuro. Ci troveremo poi a ragionare tra Dieci anni guando avremo una certa età, e mi dirrà poi cosa ne pensa.
Visto che si occupa di Ambiente, pensare solo al consenso attuale, per risolvere i problemi è deleterio fa scappare dalla politica i cittadini, segnali che ci stanno arrivando ci impongono e impongono sopratutto anche a Lei come amministratore di cambiare rotta e di evitare un provincialismo fatto di opinioni di nicchia o meglio di mentalità di territorio, le novità sono apertura mentale e accettazione della diversità e di ciò che apportano nuove culture di tutti i generi compreso quello di nuove culture di vita. Molti abitanti di Rufina attuali, fuggiti da oltre Ventanni dalla città di Firenze si sono rifugiati nel territorio di questo comune, per sfuggire anche all'inquinamentio e a dinamiche che poco hanno a che fare con l'ambiente ma solo con il profitto. Può organizzare una bella iniziativa come Assessore all'Ambiente e coinvolgere tutti coloro che vivono fuori dal contesto cittadino di Rufina per contribuire a legare di più Rufina, purtroppo comune-dormitorio di Firenze, vale a dire gli abitanti del paese con il suo territorio,  con coloro che vivono nelle zone di campagna o diciamo meglio montagna e che sono sempre comunque abitanti di Rufina, con problematiche anche diverse dai cittadini di Rufina paese.
Vede coloro che vivevano da generazioni nel comune di Rufina hanno in buona percentuale decenni e decenni fa, raggiunto o si sono trasferiti a Firenze, Pontassieve.
Il territorio le case, i borghi e lo spazio ambientale abbandonati nei tempo, sono stati rioccupati, riportati a nuova vita e rivalutati in termini di controllo del territorio visto la sua caratteristica geomorfologicamente particolare, da nuovi soggetti, ai quali uomini/donne si deve andare incontro per il valore aggiunto che apportono e anche per la loro formazione, considerando che nel bene e nel male, danno un contributo in tanti sensi anche a far vivere ancora il rapporto che l'uomo/donna ha con l'ambiente e la natura, nel comune Rufina.
La ringrazio per l'attenzione e Le chiedo cortesemente un accenno di risposta
Con stima
Violi Daniele

________________________________________________
Daniele Violi

Università degli Studi di Firenze
Dipartimento di Scienze delle Produzioni Vegetali,
del Suolo e dell'Ambiente Agroforestale - DIPSA
Sezione di Agronomia e Gestione del Territorio
Piazzale delle Cascine, 18
50144 FIRENZE

Per la pubblicazione della lettera abbiamo avuto il permesso da Daniele, che ringraziamo.