VALORIZZARE DIFENDERE SALVAGUARDARE LA VAL DI SIEVE

L' Associazione Valdisieve persegue le finalità di tutelare l'ambiente, il paesaggio, la salute, i beni culturali, il corretto assetto urbanistico, la qualità della vita e la preservazione dei luoghi da ogni forma d'inquinamento, nell'ambito territoriale dei comuni della Valdisieve e limitrofi.

Molino del Piano: INCONTRO CON ROBERTO CAVALLO

Molino del Piano: INCONTRO CON ROBERTO CAVALLO
20 OTTOBRE a Molino del Piano: ore 19.00 Apericena a Km zero, a seguire parliamo di Economia Circalare e Rifiuti Zero con ROBERTO CAVALLO

da rifiuto a risorsa


EVENTI

http://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/E_MD_CLR.GIFhttp://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/V_MD_CLR.GIFhttp://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/E_MD_CLR.GIFhttp://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/N_MD_CLR.GIFhttp://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/t_md_clr-3.gifhttp://www.megghy.com/immagini/GIF/alfabeti3/alfa_blu_bordo/i_md_clr-4.gif
TUTTI GLI EVENTI DELLE MAMME NO INCENERITORE E NON SOLO: QUI
vedi anche il loro profilo FB

20 Ottobre dalle ore 19.00:
APERICENA A KM ZERO
circolo ARCI la Torretta Molino del Piano, con ROBERTO CAVALLO

A SEGUIRE (ORE 21.00):
ECONOMIA CIRCOLARE E RIFIUTI ZERO, sempre con ROBERTO CAVALLO

************************

· NUOVA Petizione “Stop alla costruzione di nuovi inceneritori, Sì alla raccolta differenziata!”

CALENDARIO

mercoledì 12 dicembre 2012

COMUNICATO STAMPA: PIANO RIFIUTI FI-PO-PT, "BRUCERA' IL FUTURO DEI CITTADINI"



I consiglieri e il segretario provinciale di Rifondazione comunista: "Si rinuncia alla raccolta differenziata, scoraggiando le buone pratiche adottate da alcuni Comuni: ecco i dati"
 
Per i consiglieri del gruppo provinciale di Rifondazione comunista Andrea Calò e Lorenzo Verdi, e il segretario politico provinciale Fiorentino Andrea Malpezzi, il piano Interprovinciale dei rifiuti, in approvazione nelle tre Provincie Firenze, Prato e Pistoia è "improntato sulla quintuplicazione degli inceneritori e discariche che hanno prodotto bassi livelli di raccolta differenziata: sarà questo il tema su cui il Pd e la maggioranza 'bruceranno' il futuro dei cittadini. Non solo uno smaltimento dei rifiuti così improntato "avrà conseguenze dirette, in termini di salute e ambiente sui territori, ma questa modalità impiantistica, secondo noi scellerata, si intreccia fortemente sui temi dell’indebitamento pubblico e del lavoro". Il piano provinciale, secondo gli esponenti di Rifondazione, è stato elaborato ignorando:
le direttive comunitarie, che relegano all’ultimo posto gli interventi per lo smaltimento e pongono al primo punto il tema della prevenzione del riutilizzo, riciclo e recupero ponendo come finalità la protezione della salute umana e dell’ambiente;
l’evoluzione dei decreti che impongono il raggiungimento della percentuale minima di raccolta differenziata fissata al 65% entro il 31 dicembre 2012 con linee guide regionali che risalgono al 1998.
Tutti gli impianti sono stati individuati attraverso una pianificazione dei vecchi piani industriali e senza studi per localizzarne i siti: dunque "impianti sbagliati nei luoghi sbagliati"
A poche settimane dalla pubblicazione dei dati ufficiali (forniti dall’Agenzia Regionale Recupero Risorse, che lavora sotto il controllo della Regione Toscana) sulla raccolta differenziata in Toscana "è fondamentale denunciare la falsità dei dati relativi alle quantità inserite nel pino in approvazione: basta riscontrare i dati ultimi del 2011 su quelli inseriti nel piano, per capire che c’è una volontà di indebitare le finanze pubbliche per almeno 300 milioni di euro costruendo un impiantistica di incenerimento molto superiore alle necessità anche alla luce dei dati pubblicati dall’Agenzia Regionale Recupero Risorse, che lavora sotto il controllo della Regione Toscana".
Necessario, quindi, "fare il punto della situazione per evidenziare come le scelte sbagliate producono effetti contrari, anche economici sulle tasche dei cittadini".
Tutte le zone della provincia di Firenze gestite da Publiambiente Spa Quadrifoglio Spa e Aer Spa "risentono delle buone o cattive scelte fatte dalle amministrazioni locali che, in alcuni casi come nell’Empolese-valdelsa, con la raccolta porta a porta si raggiungono percentuali di differenziata anche del 90%, mentre in altre aree come il Mugello, senza buone pratiche i livelli si attestano su percentuali, 36,8%, ben lontane dai limiti minimi fissati per legge. Preoccupante la situazione del Valdarno Fiorentino dove nessuno dei quattro comuni raggiunge il 50%. Nel Chianti Fiorentino analoga situazione e solo Tavarnelle arriva al 53%".
I dati mettono in luce il fatto che il Piano presentato "sceglie, in modo completamente erroneo, di investire sull’incenerimento cifre spropositate tralasciando in pieno ciò che sarebbe davvero prioritario, ovvero il perseguimento delle percentuali fissate per legge sulla riduzione e sulla differenziazione dei rifiuti".
Il Piano Interprovinciale dei rifiuti "è stato improntato nella massima combustione rifiutando tutte le osservazioni presentate e i piani alternativi improntati sul principio di risparmio di materia e sulla combustione zero".
"Ignorata" anche la "ragionevole richiesta" della moratoria che "noi oggi riproponiamo con forza. Una moratoria che rimandi al 2015 la decisione sugli impianti, perseguendo prima pratiche di riduzione e differenziazione tali da consentire una stima realmente attendibile sulle quantità di rifiuti e residui e sulle reali necessità, assumendo da subito come indirizzo il protocollo 'rifiuti zero' già sottoscritto da molti comuni".
Rifondazione Comunista esprimerà voto contrario al Piano e continuerà la propria azione di costruzione "di un percorso unitario con quei soggetti sociali, politici e ambientali che fino ad oggi con noi si sono battuti per un sistema alternativo, per la salvaguardia della salute, dell’ambiente, dell’occupazione". 

12/12/2012 13.20
Ufficio Stampa Consiglio provinciale di Firenze