VALORIZZARE DIFENDERE SALVAGUARDARE LA VAL DI SIEVE

L' Associazione Valdisieve persegue le finalità di tutelare l'ambiente, il paesaggio, la salute, i beni culturali, il corretto assetto urbanistico, la qualità della vita e la preservazione dei luoghi da ogni forma d'inquinamento, nell'ambito territoriale dei comuni della Valdisieve e limitrofi.

giovedì 22 novembre 2012

LR sul rischio Idraulico: 56° puntata!

Gif Animate Acqua (10)Gif Animate Acqua (10)Gif Animate Acqua (10)
Riassunto delle puntate precedenti.............. no scherziamo non ve lo rifacciamo!!!!
Potete leggere comunque gli altri post alla categoria LR 66/2011 (o pericolosità idraulica molto elevata).
PERO' C'E' UN AGGIORNAMENTO FRESCO FRESCO che arriva dal Gruppo Misto in Regione:

Comunicati stampa

ALLUVIONI, “LEGGE AD AZIENDAM MANDA IN FUMO LA DIFESA DEL SUOLO”

Staccioli, “Una ‘piccola’ modifica alla finanziaria 2012 rimuove il divieto di edificazione nelle aree ad alto rischio idraulico per fare spazio a un impianto a gas naturale”
“Nella stessa seduta in cui approviamo una legge per assegnare fondi straordinari alle aree alluvionali, diamo il via libera ad un’altra legge che manda in fumo la difesa del suolo”. Così la consigliera regionale Marina Staccioli (Gruppo Misto) interviene nella discussione odierna in Aula.

“Con una ‘piccola’ (grammaticalmente parlando) modifica alla finanziaria 2012 – spiega Staccioli – si rimuove il divieto di edificazione per impianti di produzione energia nelle aree ad alto rischio idraulico, approvata l’anno scorso all’indomani della disgrazia di Aulla”.

“Questa legge era già stata modificata una prima volta a maggio 2012, solo cinque mesi dopo l’entrata in vigore – ricorda la consigliera – per consentire la realizzazione dell’impianto di stoccaggio di rifiuti di Selvapiana. Adesso, all’indomani di una nuova drammatica alluvione, si interviene per consentire l’apertura di un impianto di produzione energia nel Pistoiese, a gas naturale. Una nuova legge ad aziendam”.

Ma la legge di modifica alla finanziaria 2012 contiene altri aspetti controversi, secondo Staccioli. “In un momento di crisi come questo si tolgono 4,5 milioni di euro dal capitolo sostegno alle imprese – commenta – per farli confluire sulla viabilità di Lucca e Piombino. Perché non dirottarli sulle aziende così altamente colpite dal maltempo?”.

“Infine ci siamo accorti solo a fine anno che l’Autorità portuale regionale non è attiva – aggiunge Staccioli – era l’ora: peccato che i porti di Viareggio, Porto Santo Stefano, Giglio e Marina di Campo, siano bloccati da tutto l’anno dal vuoto amministrativo che si è venuto a creare con l’istituzione dell’Authority regionale”.
**************************************************************************************
SIAMO ALLA FOLLIA:
NON PIù LEGGE AD HOC MA AD AZIENDAM!!!!
di questo passo le puntate non finiranno mai, alla faccia delle belle parole del Presidente della Regione che ci vuol far credere che la Toscana è attenta a questi temi perchè prima a fare una legge che vieta - a suo dire- costruzioni in aree così rischiose (che però viene disattesa o aggirata con opere di messa in sicurezza)!